Tutte le storie degli Stagisti col Bollino

Per raccontare «dal di dentro» l'iniziativa Bollino OK Stage, attraverso cui la Repubblica degli Stagisti incentiva le imprese a garantire ai giovani percorsi "protetti" e di qualità secondo i principi della Carta dei diritti dello stagista, la redazione raccoglie le testimonianze degli ex stagisti delle aziende che hanno aderito al Bollino. Eccole.


- «Che bello entrare in Spindox e scoprire che faceva parte dell'RdS network!», racconta Roberta, napoletana trasferita a Milano che racconta «l'unica cosa veramente difficile una volta trasferita è stata trovare casa. Ma in ufficio veniamo quasi tutti da sotto il Po e l'ambiente è molto cordiale.....»

- «28 anni e già tanti stage e contratti alle spalle, poi finalmente quello giusto: «Ragazzi, non accontentatevi»» racconta Alfredo, che oggi è assunto a tempo indeterminato in Contactlab. E delle sua azienda dice: «penso di aver trovato la migliore situazione lavorativa possibile....»

- «Da giocatore professionista di hockey su prato a project manager per EY» è la storia di Telemaco Rossi, che racconta «sono stato fortunato, visto che quella in EY è stata la mia prima e unica esperienza lavorativa....»

- «Il problema degli stage in Italia? Pagati troppo poco» dice Linda, che in Bosch è stata accolta come in una grande famiglia. E che da giovane neo mamma dice: «La mia gravidanza è stata accolta con grande gioia anche ai livelli dirigenziali: una reazione che rende onore al gruppo ed è un bellissimo stimolo per una giovane donna lavoratrice...»

- «Un consiglio ai giovani? Fate l'Erasmus!» dice sicuro Germano, che dei suoi colloqui nelle aziende racconta «Ho preso 110 sia alla laurea triennale che alla specialistica, ma l’unica cosa che gli intervistatori cerchiavano sul mio curriculum e su cui mi facevano sistematicamente domande era l’esperienza Erasmus!...»

- «Il punto forte di Everis? Siamo ispirati a sognare e fare di più» racconta Alessio che a 25 anni ha già un contratto a tempo indeterminato. E del suo primo colloquio in Everis racconta «Durante quel colloquio ho sentito che c’era qualcosa di diverso (..... ...) Ammetto che quello che più mi ispirò fu l’incrollabile ottimismo durante il colloquio della mia intervistatrice...»

- «Due stage e oggi un contratto di apprendistato in un’azienda internazionale come Bosch Rexroth». Quello che è successo ad Antonio, dalla Sicilia arrivato a Modena. «Il problema fondamentale degli stage in Italia? L'abuso di questa forma di contratto...»

- «Colloquio in Everis grazie alla Repubblica degli stagisti, in tre mesi avevo già un contratto a tempo indeterminato» racconta Matteo. Dalla sua testimonianza «Per prepararmi al colloquio mi sono documentato su internet e ho chiesto ad alcuni amici cosa aspettarmi. È stato proprio in questa fase che ho conosciuto la Repubblica degli Stagisti! Ha giocato un ruolo importante....»

- «Un incontro all'università mi ha aperto la strada in Tetra Pak e oggi ho un lavoro che mi piace tantissimo» spiega Eleonora che ai giovani che si apprestano a entrare nel suo settore lavorativo dà questi consigli: «Curiosità, determinazione, precisione e capacità di lavorare in team anche con chi ha una cultura diversa dalla propria....»

- «Stage in Bosch pre e post laurea, e oggi Angelo ha un contratto a tempo indeterminato» e racconta: «Penso di essere ancora all'inizio del mio cammino ma vedo ampi margini di carriera...»

- «Ho scoperto Everis grazie a una onlus e oggi lavoro in un ambiente giovane e stimolante» racconta Saverio che ha scoperto questa multinazionale grazie al suo responsabile in un corso di social media manager. E a distanza di due anni dal suo ingresso in azienda «Continuo ad avere sensazioni positive verso Everis...»

-  «Il mio primo giorno di stage in Tetra Pak: sembrava stessero aspettando solo me» racconta Jessica che, finito il liceo scientifico ha fatto una scelta lungimirante «Optando per quello che mi avrebbe dato meno problemi a trovare lavoro un domani...»

- «Ho realizzato il sogno di lavorare in Europa: la storia di Santhosh Mariappan, junior project leader in Magneti Marelli» che racconta perché dall'India ha scelto di trasferirsi nel continente europeo: «Ho scelto quest'area del mondo perché l'Europa è il più grande centro automobilistico visto che proprio qui ci sono grandi colossi in questo settore come Volkswagen, Fiat, PSA, Daimler, Bmw.....»

- «Ho scoperto la Repubblica degli Stagisti per prepararmi a un colloquio in PwC e oggi ho un contratto a tempo indeterminato» racconta Maria Carla, che dalla Sicilia si è trasferita a Milano perché al Sud non ci sono opportunità lavorative.

- «Controllo di gestione mon amour: da uno stage direttamente al lavoro grazie a un annuncio sulla Repubblica degli Stagisti!» è successo a Mattia che racconta: «L’utilità principale secondo me è proprio la “certificazione” delle aziende, quelle con il “bollino”: perché è un servizio molto utile per un giovane che cerca lavoro per scoprire chi si comporta correttamente....»

- «Stage, l'importante è trovare aziende disposte a credere nei giovani: è capitato a Nicola in Magneti Marelli» dalla sua testimonianza: «Credo che il principale problema degli stage sia l’entità del rimborso spese, soprattutto per chi deve trasferirsi lontano da casa. E la non certezza di essere assunti. Molte aziende, purtroppo, usano i tirocini per coprire posti vacanti....»

- «Università e mondo del lavoro sono lontanissimi, lo stage è cruciale»: parola di Chiara, ingegnere in Spindox» che racconta: «Il mondo del lavoro è completamente diverso dall'università, un periodo di training sul campo è essenziale...»

- «Sei mesi di stage e poi subito un contratto di apprendistato per Salvatore in Philips», dalla sua testimonianza: «mentre frequentavo la Business School del Sole 24 Ore ho iniziato a candidarmi attraverso il tutor del master per uno stage in Philips e sono stato contattato per un colloquio...»

- «Un lavoro a vent'anni: sogno diventato realtà per Andrea sistemista in Contactlab», dalla sua testimonianza: «Durante l'ultimo periodo di studio all'istituto tecnico di Voghera, dove mi sono diplomato nel 2014, ho partecipato alla presentazione di un corso di specializzazione in networking, a Milano, tenuto da un ente di formazione locale. Dopo la maturità ho deciso di tentare le selezioni ...».

- «Uno stage di tre mesi in Pwc, poi subito il contratto: «La consulenza è un settore pieno di stimoli» racconta Massimiliano, che grazie al Career service del Polimi è stato contattato da PwC poco dopo la laurea. «Per me lo stage è stato uno strumento molto efficace, ma deve essere usato in maniera virtuosa e non viziosa dalle aziende. Per questo credo che la Carta dei diritti dello stagista possa essere molto utile per un neolaureato..».

- «Uno stage in Magneti Marelli subito dopo la laurea: «E ora ho già un contratto a tempo indeterminato»: è successo a Laura che oggi racconta: «Sono soddisfatta di quello che sto facendo e per il momento non ho intenzione di andarmene all’estero: grazie al mio lavoro sono diventata pienamente autonoma, andando anche a vivere per conto mio..».
«Studiare, trovare lavoro, arrivare a una grande azienda nonostante l'handicap: «La disabilità è solo un fattore secondario»: la storia di Felice, testing engineer per Magneti Marelli, che racconta: «Oggi vivo e lavoro a Venaria Reale, in provincia di Torino. Sono qui grazie alle scelte che ho fatto, dettate dalla passione per la logica e per la tecnologia, ma soprattutto grazie alla volontà di dimostrare di essere in grado di farcela nonostante un handicap che mi accompagna da tanto tempo: la sordità...»
-
«Che miniera d'oro per i giovani il network Ok Stage!»: parola di Sara, assistente marketing per DPV dalla sua testimonianza: «Ho iniziato lo stage in DPV a settembre 2014 e i primi cinque  giorni li ho passati pinzando dei fogli, ma oggi ho la padronanza di sistemi e procedure dei quali non sapevo neanche l'esistenza. Sei mesi sono passati veloci e alla fine mi è stato offerto un contratto a tempo indeterminato da circa 1.100 euro al mese, per 13 mensilità, che per una ragazza di 24 anni al suo primo vero contratto è un bel gruzzolo...»

- «Dallo stage all'apprendistato in Ferrero: è stata la Repubblica degli Stagisti ad aiutarmi per il colloquio» dalla testimonianza di Francesca: «Dovevo fare il colloquio e cercavo più informazioni possibili per arrivare preparata e ho trovato un'intervista come questa! Mi è stata molto utile per affrontare il colloquio...»
- «Dal primo stage direttamente a un contratto a tempo indeterminato: è la storia di Marta in Bip» dalla sua testimonianza: «Tramite il career service del Politecnico di Milano ho subito trovato l'annuncio di stage in Bip. Sapevo che la società nel 2014 aveva convertito in contratti oltre il 90% di stage, mai avrei immaginato che il mio primo tirocinio sarebbe stato anche l’unico...».
- «Due stage ben pagati ma senza futuro, poi arriva un'azienda col bollino: storia di Carla, consulente Everis
» dalla sua testimonianza: «Il settore in cui lavoro mi piace molto, l’ambiente dinamico e stimolante mi ha permesso di crescere tanto, diventare più flessibile, aumentare la mia sicurezza e quindi la consapevolezza  di me e delle mie capacità...».
- «Da Trento a Torino, a 24 anni Sabrina lavora già a tempo indeterminato in Spindox
» dalla sua testimonianza: «a fine stage l'ufficio HR ha organizzato un confronto consuntivo: io e l'azienda ci siamo confrontati su quanto fatto e sugli obiettivi raggiunti e alla fine ho ricevuto una proposta di assunzione a tempo indeterminato...».
- «Consulente a sorpresa nel vivaio Bip: Chiara racconta la sua ottima annata»
 dalla sua testimonianza: «senza aver mai pensato alla consulenza, mi sono appassionata ad un lavoro fatto di sacrifici ma adrenalinico. Ho subito cominciato presso un cliente di Milano...».
- «Basta rassegnazione, le buone aziende esistono: la scoperta di Carmela è Assioma.net» dalla sua testimonianza: «ognuno può essere fonte di stimolo per chi nello scetticismo generale si dà per vinto. Le aziende che investono nei giovani sono poche, è vero, ma non bisogna generalizzare...».
- «Lasciare un lavoro per uno stage col Bollino in Carglass: la storia di Giusy, innamorata delle risorse umane» dalla sua testimonianza: «ho svolto una tesi sperimentale sul diversity management, con interviste a diverse multinazionali. Ne è scaturito un bel lavoro, e ho anche capito in quale ambito volevo lavorare...».
- «Stagista meritevole? Ti assumo anche prima della laurea: la filosofia PwC raccontata da Sara» dalla sua testimonianza: «A fine stage ho ricevuto una buona valutazione e, nonostante non fossi ancora laureata al biennio, mi è stato proposto un contratto...».
- «Vent'anni, un contratto e uno stipendio: dalla scuola al lavoro il passo è breve per Lorenzo, sistemista in ContactLab» dalla sua testimonianza: «finite le superiori ho cercato un buon corso di formazione, che mi permettesse di aspirare ad un'esperienza lavorativa concreta...».- «Felice e appagata: ritratto di Paola, ingegnere gestionale per Elica» dalla sua testimonianza: «un anno dopo l'assunzione è persino arrivata una nuova proposta: diventare coordinatore industriale! Una sfida, un'opportunità. Avevo un sentimento misto di paura e soddisfazione, timore e gratitudine...».
- «
Futuro assicurato per Vanessa in Everis: "investimento e fiducia sin dal primo giorno di stage"
» dalla sua testimonianza: «aiutata anche dai pareri letti sulla Repubblica degli Stagisti, ho accettato la proposta di stage. Dopo tre mesi però mi è stata fatta una proposta che pochissimi neolaureati di oggi si sentono fare...».
- «Alle job fair prima da studentessa, oggi da addetta HR per Philips