Categoria: Notizie

Programma Leonardo, oltre 100 opportunità di stage all'estero aperte a giugno

Il programma Leonardo permette di svolgere tirocini all’estero pagati dall’Unione europea e si inserisce nell’ambito del Lifelong learning programme (programma di apprendimento permanente), che mette insieme tutte le iniziative di cooperazione europea nell’ambito dell’istruzione e della formazione, dal 2007 al 2013. Sono tre i bandi Leonardo in scadenza per il mese di giugno: ci sono ancora pochi giorni per concorrere all’assegnazione di sei borse di mobilità in ambito internazionale, nell’ambito del progetto Motis (Mobility training on internalisation of SME’s), con scadenza 15 giugno. Il progetto è finalizzato alla conoscenza delle dinamiche di impresa a livello europeo, attraverso un periodo formativo presso alcuni uffici locali delle Camere di commercio italiane. Le sedi indicate dal bando sono Lisbona, per 15 settimane (dal'inizio di settembre alla metà di dicembre 2012), Barcellona, per un periodo di permanenza di 25 settimane (da settembre a fine febbraio 2013), Budapest, Marsiglia, Praga e Sofia, per 17 settimane (dala fine di settembre alla metà di gennaio 2013). Gli importi delle borse sono di 3.239 euro nel caso del Portogallo, 5.060 per la Spagna, 3.489 per l’Ungheria, 4.366 nel caso della Francia, 3.706 per la Repubblica Ceca e 2.616 per la Bulgaria. Non è possibile, tuttavia, scegliere la destinazione: l’assegnazione sarà fatta dal comitato di selezione del progetto, sulla base delle caratteristiche del candidato e delle richieste delle singole Camere di commercio. Il contributo monetario copre viaggio di andata e ritorno per il paese di destinazione, assicurazione contro gli infortuni, assicurazione rc, spese di alloggio, contributo per il vitto e trasporti locali. L’importo è versato direttamente al vincitore della borsa di studio, che lo gestisce in autonomia, per l’80% entro 45 giorni dalla firma del contratto e per il restante 20% alla conclusione del tirocinio, dopo la presentazione di una ricevuta che attesti le spese sostenute durante la permanenza. Il 70% delle borse sarà riservato a candidati residenti in Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. Chi può partecipare? I requisiti, indicati nel bando, sono: laurea di primo livello, buona conoscenza dell’inglese, cittadinanza in uno dei paesi dell’Unione Europea. Necessario poi non essere residente né cittadino del paese in cui si svolge il tirocinio; non essere destinatari, in quel periodo, di altri finanziamenti erogati dall’Ue; non aver già partecipato al programma Leonardo, non essere iscritto a università, corsi di specializzazione, dottorati ricerca, e non avere nessun tipo di rapporto di lavoro in atto. Nel processo di selezione, che si concluderà entro il 15 luglio 2012, si adotteranno come criteri la valutazione del cv e tipo di laurea, della conoscenza delle lingue dei paesi di destinazione, della motivazione e delle capacità relazionali. Solo i candidati che supereranno la prima fase di screening dei curricula saranno convocati per i successivi colloqui individuali. Per fare domanda è necessario inviare via e-mail all’indirizzo progettomotis [chiocciola] eurocreamerchant.it quattro moduli (formato pdf): candidatura, scaricabile dal sito del progetto, lettera motivazionale in italiano, cv formato europeo in italiano e in inglese.C’è tempo invece fino al 25 giugno per candidarsi per una delle otto borse di studio per tirocini di 16 settimane, destinazione Spagna, messe a bando nell’ambito del progetto Gea (Graduated within environmental activity), promosso dal Parco nazionale del Cilento e del Vallo di Diano e riguardante tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio ambientale. È fondamentale avere  la residenza in Campania e non avere più di 33 anni. Gli altri requisiti sono specificati nel bando. Si tratta solo della prima tranche di un’iniziativa che prevede l’apertura, nel corso dell’anno, di altre selezioni per nuove borse di studio in Spagna, Regno Unito e Irlanda. Ogni borsa ha il valore di 3.546,22 euro, divisi tra 600 euro erogati come pocket money per l’80% entro 30 giorni dall’inizio del tirocinio e il restante 20% entro 45 dal rientro dall’estero, e 2.946,22 euro per viaggio di andata e ritorno, copertura assicurativa, alloggio in appartamento condiviso e camera doppia. Gli stage riguardano i settori dell’agricoltura biologica, biotecnologie sostenibili, difesa del suolo e utilizzo delle acque, architettura a basso impatto ambientale, energie rinnovabili, patrimonio culturale e ambientale, turismo sostenibile.Per fare domanda bisogna collegarsi al sito e scaricare la relativa modulistica, che comprende scheda anagrafica, cv formato europeo, lettera motivazionale in italiano e nella lingua del paese di destinazione, professional focus. La documentazione va inviata via e-mail all’indirizzo programmaleonardo [chiocciola] esseniauetp.it. In una seconda fase, tutti e quattro i moduli vanno spediti per posta all’indirizzo specificato dal bando, debitamente compilati e firmati, insieme alla fotocopia di un valido documento di identità. La selezione consiste nell’attribuzione di una serie di punteggi parziali, legati a voto di laurea, colloquio in lingua italiana e nella lingua del paese di destinazione, da cui scaturiranno la valutazione finale e la successiva graduatoria, pubblicata entro 15 giorni dalla chiusura dei colloqui.Significativo per numero di posti messi a disposizione è, infine, il bando del British Institutes di Vasto, che offre 100 borse per tirocini di 13 settimane in Inghilterra, Spagna, Malta, Cipro e Turchia. Tuttavia né il bando né altre notizie pubblicate sul sito dell’istituto spiegano a quanto ammontino le borse di studio e quali benefit prevedano. La Repubblica degli Stagisti ha chiesto più volte queste informazioni, senza purtroppo riuscire ad ottenerle. Una grande differenza rispetto agli altri enti promotori, che invece hanno fornito senza problemi tutte le delucidazioni richieste. Per avere i dettagli sulla copertura economica degli stage, agli interessati non resta che provare a inviare una mail all’indirizzo di posta del progetto riportato sul bando: i responsabili del BI di Vasto assicurano che alle email dei singoli candidati risponderanno fornendo tutti i dettagli. Gli stage rientrano nel progetto Ada (Adaptive development automation), finalizzato al consolidamento delle competenze tecnico professionali in ambiente Office Automation. Destinatari delle borse sono neo-diplomati provenienti da istituti tecnico-commerciali e  professionali con indirizzo aziendale, che siano in possesso di certificazione ECDL, candidati con qualifica di operatore EDP o di Office Automation e infine chi sia in grado di dimostrare, anche senza qualifiche specifiche, di avere avuto esperienze nel settore di riferimento. Fondamentale è un livello di conoscenza dell’inglese pari almeno ad A2 (quadro europeo di riferimento per le lingue). Non possono candidarsi, invece, tutti coloro che frequentano ancora corsi universitari, di formazione o di altra tipologia, occupati a tempo indeterminato o con altro contratto di lavoro oppure soggetti che hanno già beneficiato di un’altra borsa Leonardo. La candidatura consiste nella presentazione della domanda, scaricabile dal sito, del cv formato europeo e di due foto formato tessera. La documentazione va inviata per posta alla sede di Vasto del British Institutes (l’indirizzo è specificato sul bando), entro la data del 30 giugno. Le selezioni si terranno nella cittadina a luglio, mentre le partenze sono previste da settembre.Chiara Del Priore Per saperne di più su questo argomento, leggi anche: - Tirocini Leonardo in giro per l'Europa, oltre 300 posti a bando per il mese di gennaio: tutte le scadenze - Leonardo reloaded, 400 stage all'estero a bando tra ottobre e novembre- Stage in Europa finanziati dall'Ue: ecco i bandi Leonardo in scadenza tra giugno e luglio - Programma Leonardo, stage in giro per l'Europa dai quindici ai sessant'anni sotto il segno della formazione permanente

Nuova risoluzione Ue, regolamento europeo sugli stage più vicino

Nell'estate 2010 il Parlamento europeo era già intervenuto in tema di occupazione giovanile e stage chiedendo agli Stati membri più qualità e garanzie. Ora, a distanza di quasi due anni, una nuova risoluzione ribadisce l'urgenza del problema e suggerisce le possibili linee d'azione, a partire dalle proposte contenute nel pacchetto "Opportunità per i giovani" presentato lo scorso dicembre dalla Commissione [sotto, un fotogramma del video di prentazione].  Dopo l'accenno di ripresa economica, si legge tra i «considerando» del documento parlamentare datato 24 maggio, la disoccupazione tra i giovani europei si attesta su una media del 22%, raggiungendo addirittura il 50% nei Paesi più in affanno (il 33% in Italia, percentuale peraltro non completamente veritiera perché resta fuori dalla statistica tutto l'esercito dei Neet – gli under 29 che non lavorano, non studiano e non sono inseriti in percorsi formativi – il cui numero nel nostro Paese è incomparabilmente più alto degli altri della zona Ue). E le proiezioni economiche prevedono un nuovo periodo di stagnazione.  Il Parlamento quindi pone come premessa, al punto A, la necessità di «elaborare con urgenza strategie e politiche intese a creare posti di lavoro migliori e più numerosi per i giovani, evitando così che essi cadano nella "trappola della precarietà" costituita da un susseguirsi di lavori temporanei e di tirocini non retribuiti». E formula una trentina di osservazioni, raccomandazioni e richieste che - seppure non formalmente vincolanti per gli Stati membri - hanno un forte valore di indirizzo politico.Tra le prime, al punto 3, l'organo legislativo europeo invita a istituire regimi nazionali in grado di «garantire che i giovani abbiano un lavoro dignitoso, proseguano gli studi o seguano un corso di formazione/riqualificazione entro quattro mesi dal termine del percorso scolastico», cercando così di arginare appunto il fenomeno Neet. Ma "Opportunità per i giovani", così come formulato dalla Commissione, riservava a questa misura un finanziamento complessivo di 4 milioni di euro: il Parlamento mette fortemente in dubbio «che tale importo sia sufficientemente ambizioso» e più in generale, pur plaudendo a questa e altre iniziative (come la più ampia "Youth on the Move"), «dubita seriamente che la portata delle azioni proposte sia proporzionata alla gravità dell'attuale crisi occupazionale sperimentata dai giovani», che più in basso definisce «vittime di discriminazione».Il fatto paradossale, e nelle stesse parole della Parlamento deplorevole, è che «dopo quattro anni di crisi restano ancora a disposizione 82 miliardi di euro del bilancio dei Fondi strutturali nell'ambito del quadro finanziario pluriennale 2007- 2013» (punto 19). Oltre 80 miliardi - su un totale di 347 - mai utilizzati, che adesso la Commissione è sollecitata a riassegnare privilegiando i progetti destinati ai giovani  e alle piccole e medie imprese.Giovani vuol dire innanzitutto stagisti, in Italia come in molti altri Paesi d'Europa. Per questo la risoluzione parlamentare fa suo uno dei principali intendimenti contenuti in una comunicazione della Commissione intitolata "Verso una ripresa fonte di occupazione" del 18 aprile scorso: presentare una bozza di regolamento e di garanzia sui tirocini a livello comunitario entro la fine del 2012. Ma non solo. Al punto 12 il Parlamento va oltre e «invita la Commissione ad adottare quanto prima nel corso [di quest'anno] il regolamento europeo di riferimento sulla qualità» - un vero e proprio testo normativo, non più di indirizzo né preparatorio - «e a definire le norme minime a sostegno dell'offerta e della partecipazione a opportunità di tirocinio di alta qualità». Regolamento  che - anche se non viene detto esplicitamente nella risoluzione - attingerà largamente alla European Quality Charter elaborata dallo Youth Forum con la collaborazione anche dalla Repubblica degli Stagisti. Altra buona notizia è che da poco la Charter porta una importante firma in più: lo scorso 16 maggio, in occasione dello Yo!Fest organizzato dal Forum sull'esplanade del Parlamento, il presidente Martin Schulz si è assunto l'impegno di perorare la causa di stagisti e praticanti di tutta Europa, sottoscrivendo ufficialmente la Quality Charter [sopra, insieme alla 28enne eurodeputata Emilie Turunen]. Un passo importante, che Schulz ha fatto insieme al direttore generale della Commissione lavoro e affari sociali, Koos Richelle, e ad alcuni eurodeputati del gruppo di lavoro Giovani provenienti da tutti gli schieramenti politici. Almeno sul fronte stage, dopo più di due anni di lavoro e di sensibilizzazione a livello europeo, l'obiettivo finalmente sembra vicino.  Annalisa Di PaloPer saperne di più su questo argomento, leggi anche: - Parlamento europeo, risoluzione contro i tirocini gratis e le aziende che sfruttano gli stagisti- Lanciata a Parigi la European Quality Charter of Internships- Emilie Turunen, pasionaria dei diritti degli stagisti al Parlamento europeo: «L'Italia è fra i Paesi messi peggio» - Yo!Fest, conto alla rovescia per la grande festa degli stagisti europeiE anche: - Quando la passione per l'estero diventa un lavoro: Roberta racconta il suo tirocinio per traduttori al Parlamento Ue- Tirocini Schuman, un lettore vince e ringrazia la Repubblica degli Stagisti: «Ho saputo del bando grazie alla vostra Newsletter»

Legalità, cooperazione, pari opportunità: 50mila euro per le migliori tesi di laurea

Giugno, tempo di esami - all'università come altrove. Chi invece si è lasciato alle spalle gli appelli estivi e ha da poco ottenuto una laurea può partecipare a uno dei bandi che, fino a fine giugno, premiano le tesi più brillanti e attente ai temi sociali con cifre dai 2 a 10mila euro ciascuno. Eccoli.      Scade domenica prossima, 10 giugno, la tredicesima edizione del premio Luciana Falotico della Camera di commercio di Nizza, dedicato alla funzionaria del Consolato generale d'Italia in Costa azzurra. Vengono valutate le tesi magistrali o di dottorato incentrate su «tematiche di carattere internazionale», meglio se particolarmente rilevanti per l'istituzione promotrice: promozione del territorio e del made in Italy; rafforzamento delle relazioni commerciali e non tra Francia, Italia e ambito internazionale; sviluppo sostenibile. In palio non ci sono soldi, ma la pubblicazione della tesi in 400 copie - una cinquantina riservate al vincitore, a cui spetta l'eventuale traduzione, e per il resto diffuse presso ministeri, università e istituzioni italiane e francesi - e un trofeo in oro e argento, consegnato nella cerimonia di premiazione autunnale, a Nizza [sopra, la fotografia di una passata edizione]. Elaborato e curriculum devono pervenire in formato digitale all'indirizzo formazione [at] ccinice.org. Dal Comune di Milano arrivano invece, come ormai da tradizione, altri due importanti riconoscimenti. Il primo è intitolato all'avvocato Giorgio Ambrosoli [sotto, in foto], per anni commissario liquidatore della banca di Michele Sindona, che dopo svariati tentativi di corruzione falliti ne ordinò l'uccisione. Tre premi da 5163 euro lordi l'uno andranno ai migliori lavori sul tema, «sempre più vitale per una nazione libera e democratica» si legge nel bando, dell'etica applicata all'economia: fenomeni di corruzione, rapporto tra economia legale e criminale, rimedi alla criminalità. Quest'anno - come pure il prossimo: l'avviso è biennale - oltre alle tesi di laurea magistrale possono concorrere anche quelle di dottorato; anche se la ricerca è stata svolta all'estero, o se addirittura l'elaborato è in lingua straniera. La discussione però deve essere avvenuta tra il primo marzo 2011 e il 29 febbraio 2012 in un'università italiana. Domanda di partecipazione (dove autocertificare i propri dati), certificato di laurea o di dottorato, liberatoria e copia cartacea o digitale dell'elaborato, più abstract, vanno consegnate o spedite all'ufficio Affari legali del Comune di Milano entro venerdì 15 giugno (attenzione: non fa fede il timbro postale, ma la data di ricezione del plico).Ritorna poi anche il premio in memoria dell'ex presidente del consiglio comunale Giovanni Marra. Il bando è molto simile per impianto al suo "omologo": stessa scadenza  (il 15 giugno), stessi destinatari (laureati magistrali o dottorati, anche con studi all'estero), stesse modalità di domanda. Diminuisce di pochissimo invece l'ammontare dei tre emolumenti, 5mila euro lordi l'uno (tasse e detrazioni fiscali dipendono dalla situazione economica di ciascun vincitore) e questa volta il tema prescelto è quello della responsabilità sociale nel settore pubblico, privato e nelle organizzazioni di privato sociale. La discussione invece deve essere avvenuta tra il primo maggio 2011 e il 30 aprile 2012. Le premiazioni di entrambi i premi si terranno a Palazzo Marino il prossimo autunno.Le donne - le loro lotte politiche, civili e sociali - sono invece le protagoniste del premio in memoria di Diana Sabbi, partigiana medaglia d'argento al valore militare e presidente locale dell'Anpi. Fino al 15 giugno l'associazione assegna 2mila euro lordi alla migliore tesi specialistica (o quadriennale del vecchio orientamento: si accettano laureati a partire dall'anno 2009 e fino al marzo 2012) sulla storia delle donne, soprattutto quelle della seconda guerra mondiale e della Resistenza. I plichi devono pervenire entro le ore 13 di venerdì 15 (fa fede il timbro postale) presso il Servizio archivio della provincia di Bologna - che poi li inoltra all'ufficio Pari opportunità - insieme a copia digitale della tesi, abstract e lettera di presentazione del o della partecipante, firmata dal docente di tesi. Dalle pari opportunità alla solidarietà internazionale: il premio Giovanni Lorenzin assegna tre importi da 2mila euro l'uno a laureati e laureandi esperti in gestione delle risorse idriche che entro la fine del 2013 spenderanno le loro competenze in un Paese dell'Africa, ospitati da una organizzazione di cooperazione, da individuare autonomamente (Lorenzin infatti perse la vita nel 1992, a 35 anni, in un incidente stradale in Mauritania, dove  era  capo progetto per una Ong). La somma è un contributo alle spese di viaggio e di sostentamento e, a seconda della destinazione, copre un periodo comunque breve, di un mese o due. Il plico - domanda, tesi, progetto, certificato storico e lettera di presentazione di un docente - devono pervenire entro il 15 giugno in digitale all'indirizzo info [at] associazionelorenzin.it o in cartaceo negli uffici di Portogruaro, in provincia di Venezia. Dove, a giudizio della commissione, dal 12 al 14 settembre potrebbero svolgersi i colloqui finali. Un'altra data da evidenziare sul calendario è il 30 giugno, termine ultimo per partecipare ad altri tre bandi interessanti. Il Centro Beneduce riapre il premio Mauro Chicchinè (ex presidente dell'istituto Dexia, finanziatore dell'iniziativa), offrendo 10 mila euro alla migliore tesi di laurea, di dottorato - o ad  una ricerca inedita - su un tema molto tecnico: «il finanziamento degli investimenti degli enti locali in presenza di limiti costituzionali all'indebitamento: esperienze straniere e proposte per l'Italia». Le candidature - domanda autocertificata e allegati, tra cui un documento in cui si dichiara di non essere dipendenti del gruppo Dexia - devono pervenire al centro per posta celere o corriere. Anche dal resto d'Europa: sono ammessi infatti tutti i laureati dell'Ue. A fine estate la cerimonia di premiazione. Solo per gli universitari italiani con disabilità è pensata invece la borsa di studio Giselda Caramella, 3mila euro conferiti dall'Anmic di Pesaro e Urbino in memoria di una sua ex impiegata e socia onoraria. Gli elaborati - non necessariamente delle tesi - devono analizzare una problematica legata alla disabilità a scelta, in meno di 60 pagine, e pervenire all'associazione a mano o con raccomandata A/R entro le 12 di sabato 30 giugno, accompagnati dal certificato di invalidità. La cerimonia di premiazione, a cui il vincitore si impegna a partecipare, è prevista per fine anno a Pesaro. Infine, la Srl Quintegia di Treviso con la borsa di studio Matteo Giurato offre 1500 euro e la possibilità di passare un periodo di studio e approfondimento in azienda - non si tratta di uno stage - ad un laureato che, tra l'apirle 2011 e l'aprile 2012, abbia discusso una tesi in Statistica applicata al settore Automotive (l'utilizzo di strumenti statistici nella trattazione deve essere «esplicito e diretto», si specifica nel bando). Per partecipare è sufficiente compilare il form online, allegando una copia digitale della tesi e l'abstract; il tutto entro il 30 giugno. La proclamazione del vincitore è attesa entro a distanza di un mese, entro il 31 luglio.   Annalisa Di PaloPer saperne di più su questo argomento, leggi anche: - Tutti geni i neolaureati italiani?- Post-laurea: le 10 regole per scegliere il master giusto- Master post-laurea, un giro di affari da 100 milioni di euro. E se la "bolla" stesse per sgonfiarsi?- Università come agenzie per il lavoro a costo zero: una deriva da scongiurare

Giovani professionisti in fuga dall'Italia, come fermare l'emorragia?

Pochi, imbrigliati da una regolamentazione eccessiva, ma soprattutto svantaggiati rispetto ai colleghi che  lavorano negli altri paesi europei. Dove dal 1997 al 2010 hanno scelto non a caso di trasferirsi in più di 10mila. È la situazione dei giovani professionisti italiani che emerge da una ricerca promossa dal Forum nazionale dei giovani "Dall’Italia all’Europa. Dall’Europa all’Italia. Giovani professionisti in movimento", realizzata da Antonio Forte e Laura Giacomello in collaborazione con il Consiglio nazionale dell’Economia e del Lavoro (Cnel) che mercoledì ha ospitato a Roma la presentazione del dossier. Attivo dal 2004, il Forum riunisce in una piattaforma comune molte delle associazioni giovanili più rappresentative del Paese, accreditandosi per la prima volta con il governo Monti come  rappresentante delle istanze che toccano più da vicino le nuove generazioni. Alla vigilia dell'attesa riforma delle professioni ordinistiche che dovrà essere realizzata entro il prossimo 13 agosto, la ricerca tocca così alcuni nervi scoperti del sistema italiano. Evidenziando anzitutto che degli oltre 2 milioni e centomila iscritti agli albi professionali, soltanto il 9% è oggi costituito da under trenta. Che arrivano sul mercato troppo tardi, con maggiori difficoltà e con più vincoli all’esercizio della professione rispetto ai loro competitors europei. A testimoniarlo ci sono anzitutto i dati Ocse, e in particolare un indice sintetico che misura proprio il grado di regolamentazione delle professioni presenti in ciascun paese. Nell’ultima rilevazione, risalente al 2008, l’Italia si collocava 31esima su 34 nazioni esaminate, seguita solo da Slovenia, Turchia e Lussemburgo. A pesare sulla situazione nazionale è prima di tutto il lungo iter formativo richiesto agli aspiranti professionisti. Dalle interviste condotte dai ricercatori ad alcuni rappresentati delle associazioni di giovani professionisti emergono in effetti tempi di accesso variabili da un minimo di 6 anni e mezzo per gli psicologi ai 15 anni di formazione necessari a medici e notai prima di poter esercitare. Un lasso di tempo che oltre al percorso universitario include normalmente un periodo di pratica (generalmente non retribuita) e un esame di Stato finale che in alcuni casi costituisce una vera e propria barriera di sbarramento al lavoro. Basta guardare al bassissimo tasso di successo riscontrato tra i candidati aspiranti notai (6% di promossi), ma anche a quello degli avvocati (26%) e dei consulenti del lavoro (meno del 36%). Una volta ottenuta l’ambita abilitazione, il neo-professionista deve poi confrontarsi con le difficoltà tipiche dell’imprenditoria giovanile. In quanto a facilità di fare impresa, secondo lo studio Doing Business realizzato dalla Banca Mondiale e dalla International Finance Corporation, il nostro Paese si colloca al penultimo posto in Europa: messa peggio c'è solo la Grecia. Il risultato di quest’insieme di criticità è stata una progressiva emorragia di professionisti. Dal 1997 al 2010 l'Italia ha perso così 2.600 medici, 1.300 insegnanti di scuola secondaria, 650 ottici e altre figure professionali per un totale di circa 10mila persone, che hanno scelto come destinazioni finali soprattutto Gran Bretagna, Svizzera e Germania. Nello stesso periodo l’Italia ha importato oltre 5.500 infermieri tra specializzati e generici, 1.100 fisioterapisti, e ancora dentisti, estetisti e acconciatori provenienti in gran parte da Romania, Polonia e Ungheria. «Il problema non risiede nell’arrivo di professionisti e lavoratori da paesi meno ricchi del nostro» si legge nella ricerca, «ma in uno sbilanciamento strutturale che ci porta ad importare professionisti con un livello di qualifica più basso rispetto a quello dei professionisti che esportiamo». Sul lungo periodo, concludono gli autori, ciò potrebbe tradursi in un «impoverimento delle capacità di innovazione della nostra economia». Ma per arrivare a costruire un mercato unico delle professioni è necessario che anche l’Europa nel suo complesso faccia di più, arrivando ad esempio ad una piena armonizzazione dei percorsi formativi previsti nei vari stati membri. Tra i professionisti che si muovono oggi da un paese all’altro, soltanto  gli architetti e quanti operano in ambito sanitario - medici, infermieri, dentisti, veterinari, farmacisti e ostetrici - possono infatti contare su un riconoscimento automatico del titolo, mentre negli altri casi le autorità di controllo nazionali hanno la facoltà di richiedere eventuali periodi di tirocinio o prove integrative. «Il nostro vuole essere un approccio costruttivo al problema» è il commento del presidente del Forum nazionale dei giovani Antonio De Napoli, classe 1984 [nella foto di apertura, con il premier Mario Monti]. Cosa suggerisce dunque il Forum? «Come abbiamo scritto nel documento inviato al ministro Fornero sulla riforma del lavoro, è indispensabile rivedere anzitutto l’aspetto della formazione, prevedendo dove possibile lo svolgimento dei tirocini già durante il percorso universitario. In secondo luogo potenziare l’orientamento: nel passaggio tra università e mondo del lavoro ma anche durante la transizione tra scuola e università». Per quanto riguarda invece gli ordini «sicuramente c’è da avviare un’attenta riflessione sul ruolo che hanno svolto fino ad oggi, iniziando a pensare alla possibilità che determinati servizi possano essere realizzati anche in altre forme».Ilaria CostantiniPer saperne di più su questo argomento: - Laureati in fuga: i giovani italiani vogliono partire. Però sognando di riuscire a tornare- Antonio De Napoli convocato oggi da Mario Monti in rappresentanza dei giovani italiani: «Gli porteremo l'appello di Voltolina e Rosina per chiamare anche le nuove generazioni al governo»E anche:- Aspiranti professionisti, con le liberalizzazioni si riduce la durata del praticantato. Ma scompare l'equo compenso

I tirocini nel mezzo del cammin della riforma

Riforma Fornero, l'articolo sugli stage resiste. Nonostante il parere contrario della Conferenza delle Regioni, che aveva chiesto al Senato addirittura di eliminare quell'articolo, il passaggio sui tirocini ha resistito. Con 231 voti favorevoli, 33 contrari e 9 astenuti, giovedì 31 maggio il Senato ha approvato il disegno di legge "Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita" (ddl 3249), che ora passa all'esame della Camera dei deputati. Rispetto all'articolo 12 - quello appunto sugli stage - è bene ricordare che esso non è, a differenza del resto delle disposizioni (per esempio quelle sui contratti a progetto e sulle partite Iva), immediatamente prescrittivo. Ciò significa che i principi che contiene - a cominciare dal diritto per gli stagisti di ricevere un compenso - non saranno immediatamente operativi una volta terminato l'iter e approvata in via definitiva la riforma. L'articolo 12 é infatti un impegno che il governo si prende a legiferare, d'intesa con le Regioni, entro sei mesi dalla legge, producendo quindi un testo autonomo (probabilmente un decreto legislativo). Che indicativamente dovrebbe vedere la luce ed entrare in vigore tra la fine del 2012 e l'inizio del 2013. É dunque del tutto fuorviante parlare di "riforma degli stage" per la riforma Fornero: tutto resterà invariato ancora per molti mesi.In ogni caso il testo dell'articolo 12 del ddl Fornero è significativo, ed é dunque importante seguirne le evoluzioni. Esso infatti dopo il passaggio in Senato non è rimasto uguale alla formulazione originaria. Ecco le modifiche apportate. Il prologo passa da «Il Governo è delegato ad adottare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con le modalità di cui al comma 90 dell’articolo 1 della legge 24 dicembre 2007, n. 247, e successive modificazioni, su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, d’intesa con la Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, uno o più decreti legislativi finalizzati ad individuare principi fondamentali e requisiti minimi dei tirocini formativi e di orientamento, nel rispetto dei seguenti princìpi e criteri direttivi» a una formula più sintetica: «Entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Governo e le Regioni concludono in sede di Conferenza Stato-Regioni un accordo per la definizione di linee-guida condivise in materia di tirocini formativi e di orientamento, sulla base dei seguenti criteri». I criteri restano quattro. Il primo e il secondo risultano invariati: «revisione della disciplina dei tirocini formativi, anche in relazione alla valorizzazione di altre forme contrattuali a contenuto formativo», col riferimento implicito all'apprendistato, e «previsione di azioni e interventi volti a prevenire e contrastare un uso distorto dell’istituto, anche attraverso la puntuale individuazione delle modalità con cui il tirocinante presta la propria attività». Il terzo criterio, originariamente formulato come «individuazione degli elementi qualificanti del tirocinio e degli effetti conseguenti alla loro assenza, anche attraverso la previsione di sanzioni amministrative, in misura variabile da mille a seimila euro, in conformità alle disposizioni della legge 24 novembre 1981, n. 689» diventa molto più stringato: «individuazione degli elementi qualificanti del tirocinio e degli effetti conseguenti alla loro assenza». E il quarto da «previsione di non assoluta gratuità del tirocinio, attraverso il riconoscimento di una indennità, anche in forma forfetaria, in relazione alla prestazione svolta» passa a «il riconoscimento di una congrua indennità, anche in forma forfettaria, in relazione alla prestazione svolta». Il nuovo testo prevede poi un secondo comma in cui viene ripresa la parte sulle sanzioni pecuniarie, che era stata eliminata dal terzo criterio: «In ogni caso, la mancata corresponsione dell'indennità di cui alla lettera d) del comma 1 comporta a carico del trasgressore l'irrogazione di una sanzione amministrativa il cui ammontare è proporzionato alla gravità dell'illecito commesso, in misura variabile da un minimo di 1.000 a un massimo di 6.000 euro, conformemente alla previsioni di cui alla legge 24 novembre 1981, n. 689». E chiude con un terzo comma: «Dall'applicazione del presente articolo non possono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica».Le modifiche, apparentemente impercettibili, hanno invece un certo valore. Una si può leggere in chiave positiva, le altre tre invece in negativo. Quella positiva riguarda il passaggio sul compenso degli stagisti: la generica «previsione di non assoluta gratuità» diventa più chiaramente un «riconoscimento di una congrua indennità», con un aggettivo significativo, «congrua», che dovrebbe dissuadere i soggetti ospitanti (le aziende private, gli enti pubblici e le associazioni non profit che ospitano gli stagisti) dal fare i furbi prevedendo un rimborso spese troppo basso.Le altre tre modifiche però non sono altrettanto positive. Il fatto che nella prima parte del primo comma  scompaia il riferimento al decreto legislativo mette un punto interrogativo rispetto a quale forma prenderà questo atto normativo, che viene definito genericamente «accordo», e di conseguenza quale forza di legge avrà. Legare poi la sanzione amministrativa, cioè la multa da mille a 6mila euro, solo alla mancata corresponsione del compenso allo stagista è molto pericoloso: perché molte altre possono essere le forme di abuso in questo campo. Era dunque molto più efficace la precedente versione del testo, in cui le sanzioni erano previste in caso si fossero riscontrate mancanze di qualsiasi tipo rispetto alla «assenza degli elementi qualificanti del tirocini». Con questa formulazione, invece, basterà che il soggetto ospitante non violi la prescrizione del rimborso spese, e poi per tutto il resto non dovrà temere niente.L'ultimo aspetto peggiorativo del testo riguarda il terzo comma. La frase «non possono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica» infatti è apparentemente "standard" e innocua, ma in realtà potrebbe depotenziare in maniera sostanziale l'efficacia del futuro provvedimento normativo, concedendo agli enti pubblici una deroga rispetto al compenso dei tirocini. Cominciare a dare un'indennità, infatti, significa inevitabilmente generare «nuovi oneri a carico della finanza pubblica». Magari non «maggiori», perchè si potrebbero sempre rimodulare i bilanci e reperire i fondi  necessari tagliando su altre voci meno indispensabili: ma certamente «nuovi». E allora, se persisterà questa dicitura, la stragrande maggioranza degli enti pubblici potrebbe continuare a non dare nemmeno un euro di rimborso spese ai propri tirocinanti, trincerandosi dietro quella frase. Lo stesso identico problema si è verificato proprio poco tempo fa, con il rimborso spese obbligatorio a favore dei praticanti introdotto dal decreto liberalizzazioni (al comma 4 dell'articolo 9): l'Avvocatura dello Stato ha dichiarato di non ritenere di doversi adeguare alla prescrizione, proprio in ragione del comma "niente nuovi o maggiori oneri". E che molti altri enti pubblici potrebbero essere "costretti" a seguire questo esempio.La Repubblica degli Stagisti auspica che la Camera dei deputati, cui ora arriverà il disegno di legge, recepisca queste problematiche e si adoperi per porvi rimedio - in modo da non depotenziare già in partenza quello che potrebbe essere un ottimo "canovaccio" per avere finalmente linee guida coerenti e tutelanti per gli stagisti, e in grado di uniformare i requisiti minimi su tutto il territorio nazionale.Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Regioni e riforma del lavoro, è guerra al governo sull'articolo sui tirocini- Stage, il ddl Fornero punta a introdurre rimborso spese obbligatorio e sanzioni per chi sfruttaE anche:- Pratica forense, all'Avvocatura ancora gratis. Per colpa di un comma- Abolire gli stage post formazione: buona idea ministro, ma a queste condizioni

Meritocrazia, una notte per convincere i giovani a crederci (e le aziende a metterla in pratica)

Una «Notte dei talenti» per dimostrare che in Italia non si va avanti solo con spintarelle e raccomandazioni. L'ha organizzata il Forum della meritocrazia, think tank nato dal network People in Touch, alcune sere fa presso l’Auditorium Fondazione Cariplo di Milano - per distribuire premi a chi è riuscito a distinguersi  in ambito professionale e pubblico solo grazie ai propri meriti. «Quando alcuni mesi fa è nato il Forum è stato chiesto a un comitato direttivo di nomina esterna, composto da esperti cacciatori di teste provenienti da Egon Zehnder, Experis, Roland Berger e dal dal Politecnico di Milano di selezionare cento nominativi di persone che ricoprono ruoli importanti in diversi settori» ha spiegato alla Repubblica degli Stagisti Mattia Badino, 27 anni, milanese, che lavora nel settore risorse umane presso Michael Page Italia ed è segretario generale del Forum. Successivamente, sotto la direzione di Nicolò Boggian, 32 anni, milanese e collega di Badino, il Forum della meritocrazia ha scelto di incontrarne cinquanta: «E infine, dopo un ulteriore e accurato lavoro di ricerca e selezione abbiamo scelto di premiare con un simbolico “Oscar del merito” i dieci finalisti presentati in questa serata». L'iniziativa ha trovato subito un sostenitore in Arturo Artom [nella foto a sinistra], 45enne imprenditore torinese, ieri enfant prodige del mondo delle telecomunicazioni (con la sua impresa a soli trent'anni avviò lo smantellamento della posizione di monopolio di Telecom), oggi senior advisor di Accenture. E dato che adesso è anche presidente del Forum, la Repubblica degli Stagisti gli ha chiesto come sia nata l'idea: «In un paese dove è sempre più radicata la convinzione che spesso ci siano persone non adatte o non qualificate per la posizione che occupano, non serve a nulla piangersi addosso e pensare che non cambierà mai nulla: perché come ci ha insegnato Leon Battista Alberti l’uomo può ciò che vuole. C’è bisogno di dare grandi chance alle persone in gamba, ma è importante riconoscere loro spazio e visibilità perché facciano da esempio a tutti: l’entusiasmo è contagioso!».Ma i ragazzi ci credono? Tra gli studenti delle scuole superiori invitate a partecipare alla serata il sentimento prevalente sembrava un  desolante pessimismo rispetto al futuro e alla possibilità che l’Italia possa migliorare nella capacità di accogliere e soddisfare le loro aspettative e iniziative. L'impressione paradossalmente è che gli organizzatori del Forum, adulti, credano nel futuro più degli adolescenti che lo vivranno. Per trasmettere un po' di ottimismo, la strada scelta è stata quella di dare ai giovani la possibilità di conoscere persone che siano riuscite a far emergere il loro talento nonostante le difficoltà. Tra gli esempi premiati durante la serata il più vicino a questi ragazzi per ragioni anagrafiche è stato Matteo Achilli [nella foto a destra], 20 anni, romano e fondatore di Egomnia, un social network di e-recruitment pensato per facilitare l’intermediazione tra domanda e offerta di lavoro che a pochi mesi dal suo lancio ha ricevuto l’adesione di oltre 200 aziende e quasi 50 mila iscrizioni. Un riconoscimento è andato anche Valeria Rais, 36 anni, sarda, che dopo una carriera in Augusta Westland e nella moda presso Loro Piana è stata promossa nel 2008 HR director di CBS Outdoor. Il merito riconosciuto alla Rais è di aver creato un ambiente di lavoro ottimale: «Una volta ho fatto un colloquio ad una ragazza che mi ha confidato l’esigenza di voler costruire una famiglia senza rinunciare al lavoro. L’ho assunta e dopo solo due settimane è rimasta incinta: secondo me è stato un gran risultato, perché chi vive serenamente i propri impegni familiari, lavora anche meglio», Artom le ha chiesto un suggerimento per orientare i ragazzi presenti nella stesura del loro curriculum: «Ognuno di noi ha il suo talento. Il compito più importante per un direttore del personale è creare le condizioni migliori perché sia valorizzato, ma quando si cerca lavoro si rischia di entrare dalla porta sbagliata se si inviano curricula in cui si indica in modo troppo generico cosa si sta cercando. E’ chiaramente il sogno di tutti avere un lavoro flessibile, ben retribuito e che permetta di fare carriera, ma è importante fare i conti con le proprie competenze, proporsi per quello che si è, dimostrando di voler crescere e imparare». Un po' meno buonista una delle guest star più prestigiose della serata, Roger Abravanel, advisor e autore di saggi sul tema della meritocrazia - tra cui l’ultimo di prossima uscita per Garzanti Italia cresci o esci: «Se la classe dirigente di un paese o il team direttivo di un’azienda non sono rappresentate da persone all’altezza del compito che gli è affidato, si corre il rischio di favorire logiche clientelari che soffocano la crescita e gli stimoli a fare meglio». Abravanel ha anche ricordato la necessità per l’Italia di tornare a crescere dopo oltre venticinque anni di totale immobilismo: «Bisogna innescare il meccanismo della competizione, basandolo su regole e meritocrazia che infondano fiducia non solo ai mercati ma anche alle nuove generazioni». E se i numeri ricordati da Oscar Giannino, giornalista economico di lungo corso - attualmente in onda su Radio24 con la trasmissione quotidiana «Nove in Punto. La versione di Oscar» - fotografano un paese in cui su circa 21 milioni di lavoratori, dodici sono tra i più tutelati al mondo e nove rimangono fuori da quasi ogni garanzia, «non è pensabile risolvere questa disparità senza un sostegno forte alla creazione di un sistema meritocratico, che provenga dal basso e sia sempre più condivisibile non solo nel mondo del lavoro ma anche in tutti gli aspetti di vita comune». Perché come sostiene Abravanel la meritocrazia, oltre ad essere un sistema di valori che dà spazio all’eccellenza, deve essere il filo che tiene insieme la nostra comunità.Lorenza MargheritaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Milano si impegna per attrarre i cervelli in fuga- Brain Calling Fair, chi ha un’idea incontra chi ha voglia di scommetterci: scoccheranno scintille?- Legge Controesodo, allarme rientrato: finalmente arriva la circolare

Tirocini illegittimi, multa di 450mila euro all'aeroporto di Venezia

Aveva inserito una cinquantina di stagisti, ragazzi di 18 e 19 anni, per smaltire l'aumento del traffico aereo dovuto alla chiusura dell'aeroporto di Treviso. Ma ora la Save, la società che gestisce lo scalo di Venezia, rischia di pagare cara questa scelta: oltre a una multa di 45mila euro, dovrà versare gli stipendi non corrisposti. Una cifra che la Filt-Cgil stima intorno ai 400mila euro.Tutto è cominciato nel giugno dello scorso anno, quando lo scalo trevigiano è stato chiuso per consentire il rifacimento della pista e soprattutto dell'impianto di illuminazione, operazione necessaria per consentire l'atterraggio in caso di nebbia. Durante la chiusura, ovvero da giugno a dicembre, tutti i voli sono stati spostati a Tessera, l'aeroporto di Venezia. Dove «sono arrivati a gestire fino a 35mila passeggeri in un giorno, specie il martedì ed il giovedì quando arrivano e partono le navi da crociera», spiega Umberto Tronchin [nella foto sotto], segretario generale della Filt-Cgil di Venezia. Proprio per far fronte a questo aumento di traffico la Save ha deciso di offrire uno stage a 45 studenti degli istituti ad indirizzo turistico della provincia di Venezia.I ragazzi, che indossavano una t-shirt con la scritta «Airport staff» accoglievano i passeggeri in arrivo e fornivano loro informazioni per raggiungere le aree destinate al check-in. Un ruolo che richiedeva la conoscenza delle lingue straniere, visto che Treviso è uno degli scali raggiunti da Ryanair, compagnia low cost che porta in Veneto turisti da tutta Europa. «I ragazzi svolgevano turni da otto ore. La maggior parte di loro era impiegata tra le 7 e le 20, però teniamo conto che Tessera apre alle 4 del mattino e chiude all'una di notte», prosegue Tronchin. I progetti hanno avuto durate diverse: alcuni studenti sono stati impegnati solo per un mese, altri per sei. Il tutto a fronte di «un rimborso spese di 100 euro mensili».Il sindacato ci tiene a sottolineare di aver protestato fin dal principio contro questa iniziativa: «Noi abbiamo fatto presente all'azienda, anche durante incontri ufficiali, che il tirocinio non è una formula di inserimento prevista dal contratto nazionale del trasporto aereo, che prevede tipologie come il lavoro somministrato e quello stagionale, ma non lo stage». Save, però, non ha modificato le proprie decisioni, e i sindacati hanno quindi chiamato in causa l'Ispettorato del lavoro. Dopo un'istruttoria durata quasi un anno, lo scorso 14 maggio la società di gestione dell'aeroporto ha ricevuto i verbali. «Noi non li abbiamo potuti consultare, ma le indiscrezioni sono circolate nel giro di pochi minuti». Stando a questi rumors, che l'azienda non ha confermato visto che il direttore del personale Umberto Zannier non ha voluto rilasciare dichiarazioni in merito a questa vicenda, Save avrebbe ricevuto una multa pari a 45mila euro, da saldare entro 60 giorni. Diversamente, l'importo verrà raddoppiato.Non è finita. «Siccome lo stage è illegittimo, dovranno corrispondere gli stipendi non pagati e i contributi», spiega Tronchin, che stima in 176 le mensilità dovute dall'azienda ai tirocinanti. «Siamo intorno ai 400mila euro, cui bisognerà aggiungere le sanzioni dell'Inps per aver versato in ritardo i contributi». Al momento pare di capire che Save voglia ricorrere contro la sanzione. Gli avvocati dell'azienda avranno certamente da lavorare: se infatti la società non provvederà a versare ai tirocinanti quanto dovuto, i sindacati promettono infatti di procedere con una causa. «I ragazzi coinvolti possono contattare la Filt-Cgil di Mestre, ci stiamo organizzando per fornirgli assistenza legale». Di più: «siccome l'inserimento era illegittimo, siamo convinti che ci siano gli estremi per chiedere di essere assunti a tempo indeterminato».Materia per i giudici del lavoro. Intanto però «Save vuole ripetere la stessa esperienza anche per la prossima estate. Questa volta però, proprio in virtù della multa dell'ispettorato, i ragazzi saranno inseriti con un contratto a tempo determinato». E non è la prima volta che al Marco Polo si abusa dei tirocinanti: una situazione analoga si verificò nel 2007. Allora non era coinvolta la società di gestione dello scalo, ma due aziende che si occupano di trasporto dei bagagli, la GH Venezia e la Sav Handling, società oggi incorporata da ATA Handling. «Avevano inserito 11 stagisti per due mesi attingendo a fondi regionali, ma gli facevano fare dei turni anche da soli, svolgendo le stesse mansioni dei dipendenti», ricorda Tronchin: «piuttosto che pagare una multa, conciliarono e li assunsero». La stessa soluzione che i sindacati propongono anche per i 45 stagisti che hanno lavorato da giugno a dicembre dello scorso anno.Riccardo SaporitiHai trovato interessante questo articolo? Leggi anche:- Riforma del lavoro, ecco punto per punto cosa riguarda i giovani- Stage, il ddl Fornero punta a introdurre rimborso spese obbligatorio e sanzioni per chi sfruttaE anche:- Stage, nuove norme regionali: sì all'obbligo di rimborso in Toscana e Abruzzo, no in Lombardia- Regioni e riforma del lavoro, è guerra al governo sull'articolo sui tirocini- Stagisti a zero euro, no grazie: ecco perchè vietare il rimborso spese per legge sarebbe ingiusto e controproducente

Londra, tirocini all'Agenzia europea del farmaco con compenso record: 1.500 euro al mese

Ancora pochissimi giorni per candidarsi ai tirocini offerti dall'Agenzia europea del farmaco, organo decentrato dell’Unione Europea con sede a Londra che ha il compito di tutelare e promuovere la sanità pubblica e la salute degli animali mediante il controllo dei medicinali per uso umano e veterinario. Scade il primo giugno il bando di questa edizione 2012 che attiverà 40 stage destinati a cittadini europei (intesi in senso lato, quindi validi anche per chi proviene da Liechtenstein, Norvegia o Islanda o paesi in fase di accesso all'Ue). L'occasione è di quelle da non lasciarsi sfuggire, e non solo perchè la sede è Londra e l'agenzia molto prestigiosa. Quasi da capogiro è infatti l'entità del rimborso: ben 1.350 sterline (circa 1.500 euro) oltre alla copertura delle spese di viaggio andata/ritorno – e per i disabili c'è inoltre una maggiorazione fino al 50%. Una cifra che in Italia può considerarsi al momento uno stipendio di lusso. Chi può partecipare. Oltre alla nazionalità europea, i requisiti richiesti sono un diploma di laurea e la buona conoscenza di una lingua europea oltre naturalmente all'inglese. Non ci sono vincoli per quanto riguarda le facoltà di provenienza, ma sul sito si specifica che in genere le candidature accettate si caratterizzano per background accademici in farmacia, chimica, medicina, biologia, informatica. Tuttavia non si escludono i laureati in legge interessati alle questioni regolamentari nel settore farmaceutico, gli ex studenti di comunicazione, risorse umane, marketing o perfino lettere: insomma le porte sono aperte un po' per tutti. Gli stage, che si sviluppano in un'unica tornata annuale, iniziano a ottobre e durano dai sei ai nove mesi. Le candidature che arrivano sono moltissime: circa 1.400 ogni anno con un'età media che si aggira attorno ai vent'anni (tutti più o meno neolaureati), senza particolari picchi di richieste per alcuni paesi rispetto ad altri. «Variano di bando in bando» spiega Amanda Johannson, capo delle Risorse umane dell’Ema. Per candidarsi basta compilare l'application form e poi attendere la conferma di avvenuta ricezione (in genere entro due settimane). Tra luglio e settembre i vincitori vengono contattati per telefono, per poi firmare il contratto entro agosto. Se non si riceve alcuna telefonata significa che l'esito è stato negativo ma si può comunque ritentare gli anni successivi. Le possibilità di essere assunti post tirocinio sono - come spesso in questi casi - praticamente nulle. «Partecipare a un programma di traineeship significa per lo più fare un'esperienza professionale in un contesto europeo multiculturale», chiarisce alla Repubblica degli Stagisti la Johannson: per arricchire il proprio curriculum, imparare a lavorare in un'agenzia di alto livello. Ma senza sperare di avere la strada spianata per entrare a far parte dello staff - benchè resti comunque la possibilità di fare domanda per le posizioni vacanti, e in quel caso magari far valere la propria esperienza di ex stagiaire all'Ema. C'è un video postato sul sito dell'agenzia in cui vengono raccolte le testimonianze dei ragazzi che stanno svolgendo il programma. Alina Sai, tirocinante della Romania, racconta che per lei si tratta di «una buona opportunità per lavorare in un luogo in cui vengono prese le decisioni più importanti», in ambito farmaceutico. Per chi è interessato al settore, questa è infatti la vera stanza dei bottoni. «Collaboro nell'attività di vigilanza per ridurre i rischi associati all'uso di medicinali», spiega Carmela Mastrandrea, inquadrata come data collection and management, e che come i suoi colleghi ha assegnato un ruolo concreto con mansioni e compiti specifici. Non si parla quindi di stage in cui l'occupazione principale è fare fotocopie o portare caffè. «Ora sono più consapevole delle tendenze dell'industria della salute, e credo sia molto importante per chi vuole iniziare una carriera in questo ambito», aggiunge Marion Cassieu, francese, che fa invece da assistente scientifica. «Un'esperienza memorabile», la definisce Louiza Sophocleous di Cypro, trainee presso il settore oncologia e ematologia. A vederli, questi ex stagisti, sembrano davvero tutti entusiasti. Certo con un rimborso di 1.500 euro al mese e un nome prestigioso nel cv, non è difficile intuire il perché!Ilaria MariottiPer saperne di più su questo argomento, leggi anche: - Aspiranti eurostagisti: ecco le migliori opportunità di tirocinio nell istituzioni Ue qui alla primavera- Servizio volontario europeo: centinaia di opportunità tra volontariato e formazione E anche:- Parlamento europeo, risoluzione contro i tirocini gratis e le aziende che sfruttano gli stagisti- Stage, il ddl Fornero punta a introdurre rimborso spese obbligatorio e sanzioni per chi sfrutta

100 milioni di euro per finanziare stage in Campania: ma a guadagnarci sono i tutor aziendali

Nuove opportunità per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori nella regione Campania: a fine aprile è stato presentato presso la Camera di commercio di Napoli dall'assessore regionale al lavoro, Severino Nappi e quello alla formazione, Caterina Miraglia, “Tirocini in azienda”. La misura è realizzata d’intesa tra il governo nazionale e la Regione e inserita nel Piano di azione coesione, il cui obiettivo è concentrare le risorse comunitarie su quattro priorità considerate strategiche: istruzione, agenda digitale, occupazione e ferrovie. Utilizzando una parte dei 100 milioni di euro del Fondo sociale europeo si attiveranno interventi per aiutare gli studenti nella difficile transizione dalla scuola al lavoro, per scegliere se proseguire gli studi o entrare direttamente nel mondo produttivo. Il progetto, che sulla carta ha ottimi obiettivi, nasconde in realtà non pochi lati oscuri. L’azione è rivolta agli studenti del terzo, quarto e quinto anno della scuola superiore (15 per ogni istituto, ma il progetto potrà essere attivato anche con un numero minore di studenti purché non inferiore a 8) con priorità per gli allievi degli istituti professionali, tecnici e dei licei linguistici, che potranno svolgere tirocini dalle tre settimane (120 ore) fino a un massimo di otto settimane (320 ore) tra maggio e ottobre 2012. I fondi europei stanziati, però, non arriveranno agli stagisti, che avranno diritto solamente all'assicurazione - obbligatoria per legge - e a un rimborso per il trasferimento e l’eventuale vitto qualora la destinazione sia molto lontana. La gran parte delle risorse finirà ai tutor, che con un contratto di prestazione occasionale riceveranno un compenso di 30 euro l’ora (fermi restando i massimali) in base alle ore di formazione svolte che risulteranno dai registri firma degli allievi. Il che vuol dire che per un tirocinio di tre settimane il tutor potrà intascare fino a 3.600 euro; se il tirocinio dovesse durare otto settimane la cifra salirebbe addirittura a 9.600 euro. Somme che in qualche modo torneranno all’azienda visto che i tutor saranno scelti proprio al suo interno. Ma soprattutto costi decisamente spropositati rispetto alle mansioni di tutoraggio. E visto che il programma prevede «un rapporto  massimo di due tutor ogni otto studenti o di quattro ogni quindici» ecco che la cifra totale continua a salire. Eppure, nonostante siano i diretti beneficiari del provvedimento, «non sono indicate le modalità di selezione dei tutor stessi che, da quanto si apprende dal comunicato stampa apparso sul sito della Regione, saranno scelti direttamente dalle scuole e dalle aziende coinvolte»: lo ha denunciato all’Ansa Corrado Gabriele (nella foto a sinistra), ex assessore, oggi consigliere regionale e componente delle Commissioni lavoro e istruzione. Come se non bastasse, non sono poi stati delineati nemmeno i costi totali del progetto. In un’intervista l’assessore Nappi ha detto che sono disponibili circa 100 milioni di euro, ma Gabriele ha ribattuto che «non è richiamato nell'avviso pubblico del Burc n. 27 nessuna delibera né decreto di impegno di spesa, in palese violazione delle norme previste dal manuale del Fse». C’è poi un altro elemento poco chiaro: il governo regionale ha chiesto e ottenuto che i tirocini siano svolti prevalentemente in Campania. Quindi un progetto che teoricamente avrebbe consentito ad alcuni giovanissimi di calarsi in realtà produttive totalmente diverse da quelle della propria regione e provare anche ad andare all’estero, acquisendo competenze difficilmente replicabili sul territorio, finisce per essere limitato alle aziende locali. La Regione ha infatti richiesto al Ministero istruzione università e ricerca di prediligere le aziende situate all’interno dei confini regionali per cercare, questa la motivazione ufficiale, di superare il forte “mismatch” tra formazione scolastica e richiesta di competenze dal mondo del lavoro. Richiesta subito accolta dal Miur che in questo caso, come per tutte le altre regioni Convergenza (Calabria, Puglia e Sicilia: regioni che rientrano nell’Obiettivo Convergenza dell’Unione Europea perché hanno un pil pro capite inferiore al 75% della media comunitaria) ha solo il ruolo di organismo intermedio e non di soggetto attuatore. In una successiva circolare si è quindi stabilito che «per favorire il raccordo tra il sistema scolastico e la realtà produttiva locale, gli stage/tirocini si svolgeranno prioritariamente presso aziende ubicate ed operanti all’interno del territorio regionale e, per la quota di mancata adesione da parte del sistema produttivo territoriale, nelle altre regioni italiane e/o all’estero». Il tutto in palese contraddizione con la precedente circolare del Miur in cui si evidenziava come il Consiglio dell’Unione europea ritenesse molto importante la mobilità per l’apprendimento, «sottolineando che fornire il più ampio accesso possibile alla mobilità per tutti, compresi i gruppi svantaggiati, costituisce uno degli obiettivi strategici principali della politica dell'Ue nel settore dell'istruzione e della formazione». Tanto che lo stesso Consiglio ha fissato come obiettivo che «entro il 2020 una media UE di almeno il 6% di persone tra i 18 e i 34 anni con una qualifica di istruzione e di formazione professionale iniziale dovrebbe avere trascorso un periodo di studio o di formazione connesso all'IFPI (inclusi i tirocini) all'estero con una durata minima di due settimane». La Campania, invece, preferisce puntare esclusivamente sulle proprie aziende, che non sembrano proprio essere dei modelli di produttività e delle fucine di posti di lavoro: come mai? Forse per evitare che i finanziamenti europei escano dai confini regionali?Per velocizzare poi la selezione delle imprese interessate è stato affidato a Unioncamere Campania il compito di stilare un elenco per suddividere le aziende (che per partecipare non hanno alcun vincolo di grandezza) in settori merceologici coerenti con i numerosi indirizzi di studio.Le aziende interessate avevano una prima scadenza il 4 maggio ma i termini per la presentazione delle candidature sono stati prorogati al 28 maggio. Le imprese che vogliono partecipare possono essere società di persone, di capitale, cooperative, consorzi, enti non commerciali e onlus con almeno una sede operativa in Campania e potranno consegnare la loro manifestazione di interesse a Unioncamere Campania. Scaduto il termine, Unioncamere trasmetterà l’elenco delle imprese all’Autorità di gestione del FSE che lo renderà disponibile sul portale istituzionale regionale - sezione FSE. A quel punto saranno gli istituti scolastici a contattare le aziende in elenco per verificare la disponibilità nell’attivazione dello stage e definire le modalità attuative dei tirocini. Il progetto ha ricevuto l’appoggio di tutte le associazioni datoriali e sindacali della Regione e della Confcommercio Campania e l’assessore Nappi ha evidenziato la possibilità che i ragazzi avranno di mostrare subito in azienda le loro capacità, dichiarando: «Abbiamo effettuato questa scelta di coinvolgere direttamente le scuole e le imprese per favorire il sistema produttivo regionale cercando di rafforzare le possibilità lavorative dei nostri studenti e futuri lavoratori». Nonostante il progetto avesse sulla carta l’aspetto positivo di creare un ponte tra la scuola superiore e il mondo del lavoro e ridurre il tasso di disoccupazione che, secondo recenti dati Istat, nella fascia d’età tra i 15 e i 24 anni ha raggiunto il 44,4% ben nove punti sopra la media nazionale, nell’applicazione in Campania la misura “Tirocini in azienda” perde di vista un punto fondamentale. La circolare del Miur scrive che «le azioni attivate dovranno contribuire a dotare i cittadini delle conoscenze e delle abilità di cui l’economia e la società europee necessitano per rimanere competitive e innovative». Nell’applicazione campana, invece, i giovani sceglieranno che strada intraprendere per il loro futuro basandosi solo sulla realtà locale che, anche in termini di futura occupazione, potrà offrirgli meno possibilità. Marianna LeporePer saperne di più su questo argomento leggi anche:- Tirocini, in Campania i centri per l'impiego ignorano la circolare e li attivano solo entro 12 mesi dal diploma o dalla laurea- Apprendistato, in Campania l'età massima passerà da 29 a 35 anni: la legge regionale è quasi prontaE anche:- Tirocinio: una parola, tanti significati- In Italia un giovane su tre è senza lavoro. Ma è davvero così? 

Milano si impegna per attrarre i cervelli in fuga

Meritocrazia, stipendi migliori, meno tasse e meno burocrazia: questa è la ricetta che convincerebbe i giovani fuggiti all'estero a tornare in Italia secondo i risultati della ricerca «Welcome talents» presentata pochi giorni fa da Alessandro Rosina, professore di demografia e statistica sociale all’università Cattolica di Milano e presidente di ITalents. L’associazione, nata l'anno scorso per conoscere e far conoscere il fenomeno della fuga degli italiani under 40, ha creato un questionario in collaborazione del Comune: lo scorso inverno, nel giro di tre mesi, 1200 expat e quasi 200 ragazzi rientrati negli ultimi anni hanno risposto all’appello, anche grazie alla visibilità dell'iniziativa sul blog Italians di Beppe Severgnini.  Dalle spiegazioni sul perché siano andati all’estero e su cosa li ha spinti o li spingerebbe a rientrare emerge un quadro che può essere esteso ai 300mila giovani emigrati - un numero pari ai giovani in Lazio. Quasi nove su dieci sono laureati e mentre all’estero più del 40% ha un contratto a tempo indeterminato, la percentuale si riduce della metà quando tornano in patria. La maggior parte infatti viene assunta a termine - o diventa imprenditore, forse anche per mancanza di alternative.Ma il desiderio di un lavoro stabile non è in cima alla lista dei motivi di fuga dove svettano invece la meritocrazia (80%) e la possibilità di fare bene il proprio lavoro (70%). Gli stipendi più alti, a sorpresa, sono solo al terzo posto (60%). «Capire i problemi che affronta chi rientra è stato fondamentale per intervenire nei settori più critici», ha sottolineato l’assessore comunale al Lavoro Cristina Tajani durante l’evento di presentazione, all’Urban center di Galleria Vittorio Emanuele [nella foto sopra]: «Il nostro obiettivo è che Milano smetta di essere solo una città di formazione e attraversamento». Se si può fare poco nei confronti degli avanzamenti di carriera troppo lenti (segnalato come problema da quasi 9 giovani su 10), il Comune può intervenire nel caso di scarsi incentivi a fare impresa, eccessiva burocrazia e imposte troppo alte. Per iniziare Milano entro l’estate intende indire un bando da 400 mila euro per le migliori start-up; tra gli altri progetti ventilati una borsa lavoro per facilitare l’incontro di domanda e offerta, uno sportello unico che gestisca anche tutte le pratiche del rientro e la possibilità di preiscrivere i figli al nido direttamente dall’estero. Ma attenzione, gli expat non chiedono posti riservati negli asili:«Probabilmente perché è una pratica che associano al privilegio, tipico di una società italiana da cui sono fuggiti», come spiega Rosina Normal 0 false false false MicrosoftInternetExplorer4 [nella foto a sinistra].Questi progetti si vanno a unire agli sgravi fiscali stabiliti dalla poco conosciuta legge Controesodo del dicembre scorso. «Certo i problemi della situazione italiana sono enormi ma questi aiuti benché piccoli sono concreti» ha notato Beppe Severgnini, guest star del dibattito all’Urban Center: «E in un paese piagato dal benaltrismo, nel quale ci si continua a lamentare che i problemi sono ben altri per poi non fare niente, non è poco!»All’evento sono intervenuti anche sei giovani rientrati di recente dopo esperienze in Inghiterra, Irlanda, Marocco. Da parte loro grande apprezzamento per le iniziative ma una richiesta unanime alle istituzioni: fare di più. C’è chi è stato ritrasferito a Milano dall’azienda e poi licenziato. Chi è tornato in patria per lanciarsi nella carriera di freelance ma si dibatte tra mille difficoltà. Chi è venuto a far nascere la propria bambina in Italia ma non trova un lavoro all’altezza del proprio curriculum. Sono cervelli che vorrebbero restare qui ma fuggiranno di nuovo all’estero se non ci sarà maggior impegno da parte dello Stato.Valentina NavonePer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Legge Controesodo, allarme rientrato: finalmente arriva la circolare- Sulla Rete i giovani italiani scalpitano per fare rete: ITalents sbarca su Facebook, ed è boom- Il Comune di Milano invita i giovani lunedì 10 ottobre all'«Happy hour Welcome talent»: per progettare insieme nuove politiche che rendano Milano «una città per giovani»- Cervelli in fuga: un doppio questionario per capire chi sono, cosa gli manca, e perchè quasi tutti non tornano (e alcuni sì)