Ingegneria ma non solo: quali sono le lauree più utili per trovare lavoro?

Non tutte le lauree sono uguali, tanto meno quando si abbandonano le aule universitarie e si bussa alla porta del mondo del lavoro. AlmaLaurea [nell'immagine, la tabella della condizione occupazionale dei laureati di primo livello a un anno dalla fine degli studi] e l'Istat hanno misurato la spendibilità del titolo al termine degli studi e il panorama non appare confortante: nei primi mesi del 2009 le aziende hanno richiesto meno laureati, con un calo del 23% rispetto all'anno precedente. Ne hanno risentito tutti, anche i percorsi di studio che in genere si trovano al vertice dell'occupazione: basta pensare al -35% registrato per i laureati in economia e statistica, ma anche al -24% di ingegneria.
Al di là della crisi, però, sono queste le facoltà che offrono maggiori sbocchi occupazionali: gli ingegneri, dopo cinque anni di studi, possono contare su un posto a tempo indeterminato nell'82% dei casi, in particolare se si è specializzati in meccanica, ingegneria delle telecomunicazioni o chimica. Tra i più appetibili ci sono anche i dottori in chimica farmaceutica, economia aziendale e odontoiatria. A un anno dalla laurea, invece, restano disoccupati medici e laureati in giurisprudenza, ma solo perché intraprendono corsi di specializzazione o il praticantato post-laurea. Diversa la situazione per i laureati in lettere, psicologia e nelle discipline scientifiche: per loro la differenza non sta solo nella possibilità di un contratto, ma anche nella retribuzione, più bassa di circa 300 euro al mese rispetto ai colleghi delle aree medica e tecnica.
La situazione occupazionale si differenzia molto per lauree triennali o specialistiche e i risultati che emergono sono differenti a breve o a medio termine. Se in una laurea di primo livello si cerca la certezza di ottenere presto un posto di lavoro, meglio puntare sulle facoltà che preparano alle professioni sanitarie, come infermieristica oppure ostetricia. A un anno dalla conclusione degli studi l'84% ha già un posto, con un contratto a tempo indeterminato e un buon livello di retribuzione. Si tratta di percorsi professionalizzanti di cui c'è una forte domanda. Per tutte le altre discipline, invece, meglio proseguire con una laurea specialistica: la triennale sembra non offrire chance a lungo termine, e anche chi trova presto un lavoro vede crescere più lentamente la propria carriera rispetto ai colleghi specializzati. Chi ha una laurea in psicologia, biologia o ingegneria quattro volte su cinque prosegue gli studi; un dato ancora più vero per i gruppi economico-statistico, politico-sociale e letterario.
Al termine delle lauree magistrali o di secondo livello il quadro è molto diverso: i medici ottengono buoni risultati a cinque anni dalla laurea, dopo aver conseguito la specializzazione o aver completato il tirocinio. Lo stesso vale per gli studi giuridici, mentre ingegneri, architetti e laureati in economia continuano ad essere avvantaggiati sia per le possibilità di lavoro che per i livelli retributivi.
Non bisogna sottovalutare il rapporto tra titolo di studio e occupazione: i laureati risultano in grado di reagire meglio ai cambiamenti del mercato del lavoro, e nell'intero arco della vita lavorativa il titolo si rivela premiante. Rispetto a chi ha solo il diploma, i "dottori" hanno un 10% in più di possibilità di ottenere un lavoro e guadagnano in media il 65% in più dei colleghi senza laurea. Eppure in tanti nella loro vita intraprendono carriere che non sono in linea con il percorso di studi. Oltre il 20% dei giovani svolge un lavoro per cui il titolo conseguito non è fondamentale: si tratta soprattutto di laureati in lettere, psicologia, lingue e corsi di primo livello di giurisprudenza.
Ma come valutano i selezionatori la laurea nel curriculum? Il "pezzo di carta" ha un valore, ma ad alcune condizioni. Gli "head hunter" interpellati dalla Repubblica degli Stagisti sono d'accordo su un punto: in facoltà non ci si deve invecchiare. Che si tratti di laurea o master, gli studi vanno finiti nei tempi previsti, meglio se con un buon voto ma soprattutto integrati con esperienze lavorative o di stage. Periodi di studio all'estero, conoscenza delle lingue e  forte motivazione sono altri elementi che possono far crescere in valore la laurea. Là dove non è richiesta una determinata specializzazione, sono questi i parametri in base ai quali le aziende cercano il personale: vengono così rivalutate le lauree in filosofia, lettere o psicologia, ma solo se il percorso di studi è affiancato da attività collaterali che hanno permesso allo studente di arrivare alla fine dell'università con già un'esperienza.

Eleonora Della Ratta

Le storie di vita vissuta raccolte dalla Repubblica degli Stagisti su questo argomento:
- Laurea in psicologia, ma con qualcosa in più: il cinese. La storia di Alessandro, «cool hunter» tra Pechino e Shangai
- Tecnologie fisiche innovative, facoltà poco conosciuta ma molto utile per trovare lavoro: la storia di Michela

Per saperne di più su questo argomento, leggi anche:
- Trovare lavoro dopo la laurea o il master, attenzione alle percentuali di placement: a volte possono riservare sorprese
- Stagisti e figli della riforma universitaria, l'identikit di Almalaurea
- Dalla parte dei laureati - lo stage serve per trovare lavoro?

 

Community