Aspiranti professionisti, con le liberalizzazioni si riduce la durata del praticantato. Ma scompare l'equo compenso

Di Eleonora Voltolina - 01 febbraio 2012 In Notizie

Di nuovo i tirocini entrano nel raggio d'azione del governo. Stavolta però, a differenza dello scorso agosto, si tratta solo dei tirocini previsti per l'accesso alle professioni regolamentate: quelli che nel linguaggio comune quasi sempre  si definiscono "praticantati".
stageSono circa 150 le professioni regolamentate: l'elenco è lungo, dalla «A» di accompagnatore turistico alla «V» di veterinario passando non solo per i classici avvocati e commercialisti, giornalisti e notai, ingegneri e geometri, architetti e farmacisti, medici e infermieri, ma anche a sorpresa per controllori del traffico aereo, estetiste, maestri di sci e di snowboard, paesaggisti e restauratori, podologi e fisioterapisti - l'elenco completo è allegato alla direttiva 2005/36/CE recepita con il decreto legislativo 206/2007.
Il decreto sulle liberalizzazioni voluto dal premier Monti e dal ministro Passera ha introdotto un tetto alla durata dei tirocini che talvolta sono richiesti per poter accedere all'esame di stato o alle altre procedure di iscrizione ad albi e registri: d'ora in poi potranno durare al massimo 18 mesi. Una bella notizia sopratutto per le migliaia di aspiranti avvocati, per i quali finora la pratica forense è durata 24 mesi, e ancor di più per gli aspiranti commercialisti, per i quali il percorso oggi è addirittura di 36 mesi. Inoltre nel decreto é previsto che la pratica possa essere cominciata già durante l'università, con un ulteriore risparmio di tempo. In questo modo i giovani potranno finire il percorso formativo più velocemente, accedere all'esame di Stato (o alle altre procedure di accesso alla professione), e dunque - si spera - entrare prima nel mondo del lavoro.
stageTutti contenti allora? Non proprio. Leggendo con attenzione il testo definitivo del decreto sulle liberalizzazioni, ai giovani della Cgil è saltato all'occhio un dettaglio. O meglio, una mancanza. «È misteriosamente scomparsa quella  norma, che era stata peraltro introdotta solo  recentissimamente, che prevedeva l'equo compenso per i praticanti» dice Ilaria Lani [nella foto], 33 anni, responsabile del dipartimento politiche giovanili della Cgil nazionale. Senza nascondere la delusione e la preoccupazione: «Per una cosa buona che il governo ha fatto, la riduzione delle durate dei tirocini professionali, eccone una pessima».
In realtà il riferimento all'equo compenso, introdotto nell'ultima manovra anticrisi del governo Berlusconi - quella di Ferragosto - all'articolo 3, era poco più di un suggerimento: la somma da erogare infatti non era in alcun modo quantificata, e pertanto la frase
«Al tirocinante dovrà essere corrisposto un equo compenso di natura indennitaria, commisurato al suo concreto apporto» rimaneva un'indicazione vaga e ben poco prescrittiva. Ma era comunque molto importante che un testo di legge, per la prima volta, ne avesse sancito l'obbligatorietà: «L'equo compenso torna ad essere un optional» denuncia la Lani: in effetti, benché previsto addirittura esplicitamente in alcuni codici deontologici - come quello degli avvocati e quello dei commercialisti - l'emolumento a favore dei praticanti troppo spesso è un dovere "dimenticato" dai professionisti, che si trincerano dietro l'ipocrisia del ma-guarda-quanto-ti-insegno. «Anche se in un percorso di formazione, i praticanti apportano un contributo in termini di lavoro che deve essere loro riconosciuto» chiude la sindacalista: «L'accesso dei giovani alle professioni non può trasformarsi in sfruttamento e assenza di diritti». Che la soppressione del riferimento all'equo compenso sia un contentino agli Ordini professionali,  dopo la mazzata (dal punto di vista dei professionisti senior) dell'accorciamento del periodo di formazione?  La Cgil promette che battaglierà per far reintrodurre la norma nel corso dell'iter parlamentare.

Eleonora Voltolina

Per saperne di più su questo argomento, leggi anche:
- Sulla gravità della violazione del codice deontologico forense da parte degli enti pubblici
- Il neopresidente del consiglio Mario Monti in Senato: «Risolvere il problema dei giovani è il fine di questo governo»
- Praticanti Inps non pagati, il caso sollevato dalla Repubblica degli Stagisti diventa un'interrogazione parlamentare
- Pasquale Carrozzo, animatore del blog dei praticanti commercialisti: «Per evitare lo sfruttamento servono più controlli»

E anche:
- Anche gli stage finiscono nella manovra del Governo: da oggi solo per neodiplomati e neolaureati, e per un massimo di sei mesi

- «Stagisti sfruttati, ribellatevi: anche il sindacato sarà al vostro fianco»: la promessa di Ilaria Lani, responsabile Politiche giovanili della Cgil

© Riproduzione riservata

Jobs Act, partite Iva, articolo 18 e molto altro: il ministro Poletti "a ...

Jobs Act, partite Iva, articolo 18 e molto altro: il ministro Poletti \u0022a domanda risponde\u0022

Si possono dire molte cose dell'attuale ministro del lavoro, tranne una: che si sottragga al confronto. Il passato nella rappresentanza di un settore ad alto tasso di dibattito - quello delle cooperative - certamente aiuta: sta di fatto che Giuliano ...

«Garanzia giovani, in Campania non funziona»: la denuncia della Cisl

«Garanzia giovani, in Campania non funziona»: la denuncia della Cisl

Molti iscritti, ma meno dei potenziali destinatari, e poche offerte delle aziende, per lo più di basso profilo e poco in linea con le aspettative dei giovani: è ormai certo che la Garanzia giovani in questi primi mesi di applicazione ...

Centri per l'impiego, da Torino l'allarme al governo: senza investimenti non c'è futuro

Centri per l\u0027impiego, da Torino l\u0027allarme al governo: senza investimenti non c\u0027è futuro

Ogni mattina al Centro per l’impiego di via Bologna, nella periferia nord di Torino, c’è una fila lunghissima di persone che aspettano. Donne, uomini, giovani e meno giovani, italiani e stranieri. Ognuno con la propria storia alle spalle e un ...

Povertà, in Italia dilaga anche tra i giovani che lavorano. E spunta la ...

Povertà, in Italia dilaga anche tra i giovani che lavorano. E spunta la proposta Reis

È un'Italia sempre più povera quella fotografata dalle ultime indagini Istat: 6 milioni di poveri assoluti a luglio 2014, il dieci per cento circa della popolazione. Un milione sono bambini. Il numero è più che raddoppiato nei sette anni di crisi, ...

Stagisti laureati, per loro il compenso è un diritto: ma la Corte costituzionale ...

Stagisti laureati, per loro il compenso è un diritto: ma la Corte costituzionale fa eccezione

Oggi scade un bando di stage rivolto a quattro laureati. Non è un bando qualsiasi: lo ha aperto qualche settimana fa la Corte Costituzionale, blasonato organo previsto dalla nostra Costituzione per giudicare le «controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi ...

Da oggi online il monitoraggio informale di Garanzia Giovani promosso da Repubblica degli ...

Da oggi online il monitoraggio informale di Garanzia Giovani promosso da Repubblica degli Stagisti e Adapt

Vogliamo saperne di più della Garanzia Giovani. Funziona? I giovani vengono convocati? Quali sono le proposte che ricevono? È importante capirlo, perché su questo progetto di matrice europea è stato investito un mucchio di soldi, 1 miliardo e mezzo di ...

Il Jobs Act punto per punto

Il Jobs Act punto per punto

Sette pagine. Tanto è lungo il "Jobs Act", la riforma del lavoro che il governo Renzi sta portando avanti in Parlamento. Qualche giorno fa il Senato l'ha approvato, con un voto di fiducia, proprio a ridosso dell'incontro a Milano di ...

TFR in busta paga sì o no, gli esperti del mondo del lavoro ...

TFR in busta paga sì o no, gli esperti del mondo del lavoro si dividono

Nei giorni scorsi il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha presentato la proposta di trasferire in busta paga il trattamento di fine rapporto a partire dal prossimo anno ai lavoratori che ne facciano richiesta. Sempre il lavoratore può scegliere se ricevere ...

Neet, l'Europa lancia Youth2Work

Neet, l\u0027Europa lancia Youth2Work

Un progetto europeo per offrire una soluzione al problema dei Neet (Not being in Employment, Education or Training), i giovani che non lavorano, non studiano e non hanno nemmeno avviato un periodo di tirocinio: si chiama Youth2Work (Y2W) ed è ...

Capitalismo paziente, il lato femminile che valorizza le aziende

Capitalismo paziente, il lato femminile che valorizza le aziende

E se provassimo a guardare la nostra azienda, le nostre istituzioni, i nostri modelli di business con gli occhi dei nostri figli? Semplice, dovremmo cambiare molte cose. Questo significherebbe rinunciare al profitto? Certamente no, ma cambiare mentalità certamente sì. Si ...

Modello tedesco: tutti ne parlano, ecco in cosa consiste

Modello tedesco: tutti ne parlano, ecco in cosa consiste

Con un tasso disoccupazione inferiore al 5% (da noi è del 12), e una percentuale di giovani senza lavoro del 7,6 (in Italia del 44%), la Germania ha senz'altro qualcosa da insegnare al Belpaese in tema di mercato del lavoro. ...

Una scuola senza bidelli: 10 mila posti liberi, ma la riforma non parla ...

Una scuola senza bidelli: 10 mila posti liberi, ma la riforma non parla di loro

Nella “buona scuola” il governo Renzi si è scordato il personale Ata. Il documento che anticipa i punti della riforma del sistema scolastico prevede infatti l’assunzione di 150mila docenti precari, ma non del personale ausiliario, tecnico e amministrativo senza il quale – secondo diverse ...

Formazione continua, spina nel fianco dei professionisti italiani

Formazione continua, spina nel fianco dei professionisti italiani

L’aggiornamento professionale è una scelta, dettata dalla volontà di essere sempre al passo con le innovazioni del proprio mestiere, o una mera necessità burocratica? Tra i professionisti italiani il dibattito è acceso, specie dopo che, a fine 2012, la riforma ...

Articolo 18, ecco come funziona: l'Adapt fa chiarezza sulle norme sui licenziamenti

Articolo 18, ecco come funziona: l\u0027Adapt fa chiarezza sulle norme sui licenziamenti

Il dibattito sull'articolo 18 sta cannibalizzando da settimane la discussione sul JobsAct. Sembra che sui giornali e in televisione non ci sia attività più importante che vivisezionare quella norma introdotta 44 anni fa nello Statuto dei lavoratori, che si intitola ...

Disoccupazione in calo in tutto il mondo tranne che in Italia: ecco perché

Disoccupazione in calo in tutto il mondo tranne che in Italia: ecco perché

Sono nere le previsioni del Cnel, il Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro, riguardo la condizione dell'occupazione in Italia. «Una discesa del tasso di disoccupazione ai livelli pre-crisi, ovvero intorno al 7%, sembra irrealizzabile». È quanto si legge nel Rapporto sul ...

Open