Confindustria a Varese finanzia 50 stage: «Puntiamo al 100% di assunzioni»

Di Riccardo Saporiti - 28 marzo 2012 In Notizie

L'Unione industriali della provincia di Varese lancia What's next?, un progetto che prevede l'attivazione di 50 stage trimestrali nelle aziende associate.Stagisti Tirocini che Univa punta a trasformare tutti in veri e propri posti di lavoro.
Traguardo ambizioso, dunque, quello posto da Giovanni Brugnoli [nella foto], presidente dell'associazione di categoria del varesotto. 42enne originario di Busto Arsizio, titolare di un'impresa tessile attiva nel settore dello sport e dell'arredamento, Bugnoli è stato eletto alla guida degli industriali varesini nel maggio scorso, dopo essere stato per quattro anni vicepresidente. Nel suo curriculum c'è anche la presidenza dei giovani imprenditori di Confindustria Lombardia. «Noi puntiamo al 100%, a dare un lavoro a tutti e 50 gli stagisti. Questo è l'obiettivo e su questo stiamo lavorando, contiamo di riuscirci o quantomeno di avvicinarci il più possibile alla meta». Tanto ottimismo si basa sul fatto che «le stesse imprese che hanno aderito al progetto lo hanno fatto proprio con l'intenzione di avviare degli stage con la prospettiva di incrementare il proprio organico».
Per questo progetto l'Unione industriali ha stanziato 100mila euro: l'obiettivo è quello di garantire 50 borse lavoro trimestrali, con un rimborso di 500 euro mensili per ogni tirocinante. In totale gli emolumenti per gli stagisti costeranno ad Univa 75mila euro. Gli altri 25mila - ben un quarto dello stanziamento totale - serviranno per pagare la promozione e l'attivazione dei tirocini: ma dato che
l'associazione di categoria per legge non può far incontrare domanda e offerta, ha dovuto appoggiarsi a 4stars. Questa realtà, che sul proprio sito si definisce  «società senza scopo di lucro», svolgerà dunque il ruolo di soggetto promotore. Quando la Repubblica degli Stagisti ha chiesto agli industriali quanti di questi 25mila euro andranno all'agenzia e quanti a coprire le altre spese promozionali, la risposta è stata però evasiva: «Si tratta di un contratto tra privati». È stata poi 4stars a confermare che tutti i 25mila euro andranno a lei: la presidente Chiara Grosso ha infatti spiegato che la cifra rappresenta «un forfait che ci permette di sostenere Univa nella realizzazione di tutte le fasi del progetto, dalla ideazione e progettazione, alla comunicazione, reclutamento, selezione, informazione, pratiche stage in tutte le loro fasi, monitoraggio, sostituzioni e adempimenti amministrativi».
StagistiOra, perché Univa ha scelto di appoggiarsi ad una realtà privata invece di coinvolgere i nove centri per l'impiego attivi sul territorio provinciale? Ragioni operative, spiegano dall'associazione: i cpi non offrirebbero la possibilità di assessment di gruppo e di colloqui individuali preliminari, elementi alla base del processo di selezione dei candidati previsto nel bando. Servizi che invece 4stars è in grado di erogare. L'agenzia si occuperà infatti di tutti gli aspetti relativi alla selezione: sceglierà dunque direttamente le persone da inviare nelle aziende, che non si vedranno sottoporre una rosa di candidati tra i quali scegliere il tirocinante, ma accoglieranno "a scatola chiusa" lo stagista scelto per loro dall'agenzia.
All'iniziativa, che non ha un termine preciso di chiusura ma scadrà non appena verranno attivati tutti i progetti, possono prendere parte esclusivamente i disoccupati e gli inoccupati residenti in provincia di Varese. È previsto un limite di età di 25 anni per i diplomati, che sale a 28 per i laureati. Le figure richieste sono ragionieri, periti tecnici, meccanici e chimici, così come laureati in economia, marketing, scienze della comunicazione, chimica, ingegneria gestionale, meccanica ed elettronica.
Quali sono però le attività che potranno essere svolte nell'ambito di What's next? Il progetto è suddiviso in cinque i settori di impresa, per ognuno dei quali sono previste dieci borse. Il primo è quello commerciale, con particolare riferimento all'analisi del mercato e all'avvio di progetti di e-marketing. C'è poi la sezione amministrativa, che impiegherà i tirocinanti nella contabilità generale, e quella logistica, che coinvolgerà i giovani nella gestione dei magazzini e nei rapporti con i fornitori. I dieci progetti legati all'assistenza tecnica impegneranno gli stagisti nel collaudo di macchinari utensili. L'ultimo ambito è quello della progettazione, nel settore della lavorazione di plastica e metallo, che accompagnerà il tirocinante dalla fase di ricerca fino a quella dello sviluppo del prodotto. In totale, sono 42 le aziende coinvolte,
tutte sono associate Univa: alcune attiveranno più di un tirocinio.Ogni progetto prevede una borsa mensile di 500 euro: la prima tranche verrà erogata al termine dei primi due mesi di tirocinio. Ma è bene sapere che in caso di conclusione del rapporto prima di questa scadenza l'emolumento scomparirà. Per quale motivo? «Vogliamo evitare l'abbandono del primo mese», spiega Brugnoli. «L'obiettivo è quello di affrontare un periodo di formazione di tre mesi, durante il quale l'azienda si mette a disposizione degli stagisti per insegnare loro il lavoro». Per questo, lasciare prima dei sessanta giorni «sarebbe un danno per l'azienda, ma anche per quei ragazzi che non hanno superato la selezione», rimanendo esclusi dai tirocini. Questi ultimi, in caso di abbandono prima dei due mesi, verrebbero ripescati. E proprio grazie al "risparmio" della borsa di chi ha abbandonato potrebbero usufruire di un tirocinio trimestrale con rimborso spese pieno.
La candidatura può essere effettuata solo via Internet, collegandosi al sito di 4stars, compilando la modulistica e allegando una copia del curriculum. Dopo aver verificato i profili dei candidati, l'agenzia svolgerà dei colloqui con quelli papabili, quindi proporrà ai selezionati l'attivazione del tirocinio. Con l'auspicio che l'ottimismo di Brugnoli possa tradursi in realtà, trasformando i 50 stage in altrettanti posti di lavoro.

Riccardo Saporiti

Per saperne di più su questo argomento leggi anche:
- Stage in fabbrica raccontati in un libro al vetriolo: «Mi sento già molto inserito» di Mauro Orletti
- Rapporto Excelsior 2009: sempre più stagisti nelle imprese italiane, sempre meno assunzioni dopo lo stage
- Tirocinio: una parola, tanti significati

© Riproduzione riservata

Parasubordinati e partite Iva, l'Inps fotografa i nuovi poveri

Parasubordinati e partite Iva, l\u0027Inps fotografa i nuovi poveri

Che quella sull'articolo 18 sia una battaglia politica slegata dai problemi reali del paese lo dimostrano i dati su collaboratori e professionisti italiani appena pubblicati dall'Inps. Per loro «un altro anno orribile: aumenta la disoccupazione, stagna il reddito» recita il report ...

Duecento stage per eurotraduttori a Bruxelles, rimborso di 1220 euro al mese

Duecento stage per eurotraduttori a Bruxelles, rimborso di 1220 euro al mese

Ci sono gli Schuman, i più famosi, suddivisi tra opzione generale e giornalismo. E poi anche gli stage per traduttori. I tirocini al Parlamento europeo rivolti a chi di professione vorrebbe dedicarsi alle lingue hanno aperto le selezioni lo scorso ...

Parità retributiva, Italia 129esima nel mondo: strada ancora in salita per le donne ...

Parità retributiva, Italia 129esima nel mondo: strada ancora in salita per le donne che lavorano

  Ottantuno anni: è quanto ci vorrà, secondo il nono Global Gender Gap Report, prima di raggiungere a livello mondiale la parità dei sessi sul posto di lavoro. E l'Italia è ancora ben lontana dall'obiettivo: in base al report, pubblicato ...

Giovani e start up, l'ostacolo più grande è la pubblica amministrazione

Giovani e start up, l\u0027ostacolo più grande è la pubblica amministrazione

Pietro Gabriele è il creatore di Fonderie Digitali, laboratorio multidisciplinare tra i primi a disegnare prototipi da stampare in 3D. Federico De Simone ha fondato Makoo, un software che trasforma messaggi vocali in modelli tridimensionali per produrre gioielli. Carlo Mastroianni è ...

Quattro borse di studio per studiare e capire il lavoro che cambia

 Quattro borse di studio per studiare e capire il lavoro che cambia

Raccontare, pensare e studiare il lavoro che cambia. Fondazione Feltrinelli lancia l’iniziativa "Spazio Lavoro", un progetto di ricerca per capire come si evolvono nel nostro paese le dinamiche del mondo del lavoro. Quattro borse di studio del valore di 10mila euro ...

Jobs Act, partite Iva, articolo 18 e molto altro: il ministro Poletti "a ...

Jobs Act, partite Iva, articolo 18 e molto altro: il ministro Poletti \u0022a domanda risponde\u0022

Si possono dire molte cose dell'attuale ministro del lavoro, tranne una: che si sottragga al confronto. Il passato nella rappresentanza di un settore ad alto tasso di dibattito - quello delle cooperative - certamente aiuta: sta di fatto che Giuliano ...

«Garanzia giovani, in Campania non funziona»: la denuncia della Cisl

«Garanzia giovani, in Campania non funziona»: la denuncia della Cisl

Molti iscritti, ma meno dei potenziali destinatari, e poche offerte delle aziende, per lo più di basso profilo e poco in linea con le aspettative dei giovani: è ormai certo che la Garanzia giovani in questi primi mesi di applicazione ...

Centri per l'impiego, da Torino l'allarme al governo: senza investimenti non c'è futuro

Centri per l\u0027impiego, da Torino l\u0027allarme al governo: senza investimenti non c\u0027è futuro

Ogni mattina al Centro per l’impiego di via Bologna, nella periferia nord di Torino, c’è una fila lunghissima di persone che aspettano. Donne, uomini, giovani e meno giovani, italiani e stranieri. Ognuno con la propria storia alle spalle e un ...

Povertà, in Italia dilaga anche tra i giovani che lavorano. E spunta la ...

Povertà, in Italia dilaga anche tra i giovani che lavorano. E spunta la proposta Reis

È un'Italia sempre più povera quella fotografata dalle ultime indagini Istat: 6 milioni di poveri assoluti a luglio 2014, il dieci per cento circa della popolazione. Un milione sono bambini. Il numero è più che raddoppiato nei sette anni di crisi, ...

Stagisti laureati, per loro il compenso è un diritto: ma la Corte costituzionale ...

Stagisti laureati, per loro il compenso è un diritto: ma la Corte costituzionale fa eccezione

Oggi scade un bando di stage rivolto a quattro laureati. Non è un bando qualsiasi: lo ha aperto qualche settimana fa la Corte Costituzionale, blasonato organo previsto dalla nostra Costituzione per giudicare le «controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi ...

Da oggi online il monitoraggio informale di Garanzia Giovani promosso da Repubblica degli ...

Da oggi online il monitoraggio informale di Garanzia Giovani promosso da Repubblica degli Stagisti e Adapt

Vogliamo saperne di più della Garanzia Giovani. Funziona? I giovani vengono convocati? Quali sono le proposte che ricevono? È importante capirlo, perché su questo progetto di matrice europea è stato investito un mucchio di soldi, 1 miliardo e mezzo di ...

Il Jobs Act punto per punto

Il Jobs Act punto per punto

Sette pagine. Tanto è lungo il "Jobs Act", la riforma del lavoro che il governo Renzi sta portando avanti in Parlamento. Qualche giorno fa il Senato l'ha approvato, con un voto di fiducia, proprio a ridosso dell'incontro a Milano di ...

TFR in busta paga sì o no, gli esperti del mondo del lavoro ...

TFR in busta paga sì o no, gli esperti del mondo del lavoro si dividono

Nei giorni scorsi il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha presentato la proposta di trasferire in busta paga il trattamento di fine rapporto a partire dal prossimo anno ai lavoratori che ne facciano richiesta. Sempre il lavoratore può scegliere se ricevere ...

Neet, l'Europa lancia Youth2Work

Neet, l\u0027Europa lancia Youth2Work

Un progetto europeo per offrire una soluzione al problema dei Neet (Not being in Employment, Education or Training), i giovani che non lavorano, non studiano e non hanno nemmeno avviato un periodo di tirocinio: si chiama Youth2Work (Y2W) ed è ...

Capitalismo paziente, il lato femminile che valorizza le aziende

Capitalismo paziente, il lato femminile che valorizza le aziende

E se provassimo a guardare la nostra azienda, le nostre istituzioni, i nostri modelli di business con gli occhi dei nostri figli? Semplice, dovremmo cambiare molte cose. Questo significherebbe rinunciare al profitto? Certamente no, ma cambiare mentalità certamente sì. Si ...

Open