Tiny Bull studios, la start-up che guarda al futuro dei mobile game

Di Veronica Ulivieri - 01 gennaio 2013 In Approfondimenti

«All'inizio eravamo i classici nerd che lavorano fino a tardi nello scantinato di casa. Io e il mio socio, Rocco Tartaglia, ci siamo laureati il 7 aprile 2011 e il 9 eravamo già al lavoro sulprimo videogioco». Matteo Lana, classe 1985, ricorda così gli inizi, poco più di un anno e mezzo fa, dei Tiny Bull studios, l'azienda di mobile game che è appena stata eletta start-up dell'anno di Treatabit, incubatore digitale nato all'interno del Politecnico di Torino 12 mesi fa. Tutto comincia da una passione comune e dalla voglia di trasformarla in qualcosa che possa anche dare da mangiare: «Sia io che Rocco siamo torinesi. Ci siamo conosciuti qui, al corso di laurea specialistica in Realtà virtuale e multimedialità dell'università. Abbiamo iniziato a preparare insieme gli esami e, visto che ci trovavamo bene e condividevamo la stessa passione per i videogame, dopo la tesi abbiamo deciso di lavorare a un progetto comune», continua Matteo, che oggi è amministratore dell'azienda. L'avventura inizia con l'idea di creare giochi per le Xbox, le console casalinghe: «Ma dopo due-tre mesi di entusiasmo, abbiamo capito che progettare questi videogame era troppo complicato: dovevamo ridimensionarci». Da lì il salto verso i dispositivi mobili iOS (iPhone, iPod touch, iPad), con giochi «ispirati a quelli classici ben conosciuti, con l'aggiunta di elementi innovativi». La vera svolta però arriva con l'ingresso in Treatabit: «Un amico mi ha parlato dell'incubatore del Politecnico I3P. Siamo andati a presentare la nostra idea, che è piaciuta, anche se quello non era il posto adatto, perché ospita imprese non digitali. Per fortuna, proprio in quel momento stava nascendo uno spazio pensato per le start-up come la nostra. Lì un consulente ci ha aiutato nella stesura di un business plan: per noi, laureati in informatica e con zero conoscenze di economia, è stato una manna dal cielo». A maggio scorso è arrivato il primo gioco: «Si chiama Space Connect ed è ispirato a Forza quattro. Quando l'abbiamo messo sull'App Store, nelle prime 24 ore è stato scaricato mille volte, e adesso abbiamo un migliaio di download a settimana. Tutto questo senza fare nessuna pubblicità, perché il nostro budget è molto limitato». Per avviare una start-up digitale, spiega Matteo, non servono grossi investimenti: «Per adesso abbiamo investito meno di 10mila euro. La spesa principale, circa 7mila, è stata quella per comprare i software: due licenze di Unity3D, programma per sviluppare i  giochi, più una suite di software grafici come Illustrator e Photoshop. Grazie a Treatabit abbiamo a disposizione uno spazio di lavoro stimolante a un prezzo vantaggioso: una postazione di lavoro in co-working costa meno di 62 euro al mese». L’incubatore offre anche consulenze di avvocati, notai e commercialisti a prezzi scontati del 50 per cento e il supporto costante di un tutor. La società vera e propria sarà costituita solo a gennaio: «Treatabit ospita idee più che società e lascia il tempo per svilupparle al meglio prima di fare business. In questi giorni stiamo scrivendo lo statuto. Abbiamo scelto la forma della Srl, per iniziare a strutturarci "guardando al futuro", nell'ottica di diventare una software house affermata con la relativa complessità finanziaria e di risorse umane, e per dare un'immagine più credibile della nostra società a possibili investitori, potenziali clienti e, se ce ne fosse bisogno, alle banche. Inoltre, per accedere a bandi o finanziamenti è spesso richiesta una società di capitali». Se l'investimento finanziario per adesso è stato contenuto, non si può dire altrettanto dell'impegno personale: «Oggi siamo in tre, io e il mio socio Rocco, sviluppatori, più Arianna Ciardi, grafica. Lavoriamo tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, dalle 9 del mattino a mezzanotte. Non sarebbe difficile trovare un lavoro dipendente, ma se vuoi qualcosa di tuo devi lavorare tanto per costruirlo». A costo, i primi anni, di tirare la cinghia e rimanere, come Matteo, a vivere con i genitori: «In media una start up digitale impiega almeno due anni per iniziare a guadagnare: il primo si va in perdita, il secondo di solito si raggiunge il pareggio. È quello che contiamo di fare anche noi. Il nostro gioco sull’App Store costa 1,59 euro, ma in tasca ci arrivano 40 centesimi. Per un introito ragionevole dovremmo avere almeno 200 o 300 download al giorno».
Nella competizione per “Start-up dell’anno”, i Tiny Bull studios hanno sbaragliato una trentina di aziende concorrenti, tutte con progetti già attivi. Non c’è un premio in denaro, ma la visibilità è assicurata, anche perché «a I3P e Treatabit viene spesso gente interessata a conoscere le imprese e si organizzano diversi eventi di presentazione a potenziali investitori e business angel». In questo momento, continua Matteo, si lavora a due nuovi giochi: «Uno è il classico runner infinito a scorrimento, in cui il personaggio deve destreggiarsi tra mille ostacoli per arrivare il più lontano possibile. Nell'altro, invece, c'è un virus letale che colpisce l'umanità: l'unico modo per salvarti è usare il tuo cellulare, che vede dentro il tuo corpo e ti permette di eliminare le cellule malate». Accanto allo sviluppo di questi mobile game, che saranno lanciati nel 2013, è nata la collaborazione con un'altra start-up di Treatabit, SportSquare, che realizza giochi per Facebook. «Il nostro obiettivo, in realtà, sarebbe riuscire a campare solo con i nostri videogame, senza lavorare per altre aziende nostre clienti, che comunque è molto interessante». A Treatabit nascono continuamente nuove partnership come questa e c'è un tutor, di solito un ex dottorando o un professionista con esperienza di imprese digitali, che segue gli startupper in ogni passo: «dal marketing alla banca. Le prime volte ti accompagna anche dagli investitori!». Che per adesso, però, Lana e Tartaglia non hanno neanche cercato: «Il nostro sogno è farcela da soli».

 

Veronica Ulivieri

 

Vuoi conoscere altre storie di start-up? Leggi anche:

- Tekné Italia, quando la tradizione si fa start-up
Ploonge, la start-up per tuffarsi nella vita notturna
- A Torino una start-up prova a riscrivere il futuro del giornalismo
- Arriva DeRev, una start-up da guinness dei primati
- Startupper, nuova rubrica della Repubblica degli Stagisti dedicata ai giovani che creano impresa


 

 

© Riproduzione riservata

Jobs Act, partite Iva, articolo 18 e molto altro: il ministro Poletti "a ...

Jobs Act, partite Iva, articolo 18 e molto altro: il ministro Poletti \u0022a domanda risponde\u0022

Si possono dire molte cose dell'attuale ministro del lavoro, tranne una: che si sottragga al confronto. Il passato nella rappresentanza di un settore ad alto tasso di dibattito - quello delle cooperative - certamente aiuta: sta di fatto che Giuliano ...

«Garanzia giovani, in Campania non funziona»: la denuncia della Cisl

«Garanzia giovani, in Campania non funziona»: la denuncia della Cisl

Molti iscritti, ma meno dei potenziali destinatari, e poche offerte delle aziende, per lo più di basso profilo e poco in linea con le aspettative dei giovani: è ormai certo che la Garanzia giovani in questi primi mesi di applicazione ...

Centri per l'impiego, da Torino l'allarme al governo: senza investimenti non c'è futuro

Centri per l\u0027impiego, da Torino l\u0027allarme al governo: senza investimenti non c\u0027è futuro

Ogni mattina al Centro per l’impiego di via Bologna, nella periferia nord di Torino, c’è una fila lunghissima di persone che aspettano. Donne, uomini, giovani e meno giovani, italiani e stranieri. Ognuno con la propria storia alle spalle e un ...

Povertà, in Italia dilaga anche tra i giovani che lavorano. E spunta la ...

Povertà, in Italia dilaga anche tra i giovani che lavorano. E spunta la proposta Reis

È un'Italia sempre più povera quella fotografata dalle ultime indagini Istat: 6 milioni di poveri assoluti a luglio 2014, il dieci per cento circa della popolazione. Un milione sono bambini. Il numero è più che raddoppiato nei sette anni di crisi, ...

Stagisti laureati, per loro il compenso è un diritto: ma la Corte costituzionale ...

Stagisti laureati, per loro il compenso è un diritto: ma la Corte costituzionale fa eccezione

Oggi scade un bando di stage rivolto a quattro laureati. Non è un bando qualsiasi: lo ha aperto qualche settimana fa la Corte Costituzionale, blasonato organo previsto dalla nostra Costituzione per giudicare le «controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi ...

Da oggi online il monitoraggio informale di Garanzia Giovani promosso da Repubblica degli ...

Da oggi online il monitoraggio informale di Garanzia Giovani promosso da Repubblica degli Stagisti e Adapt

Vogliamo saperne di più della Garanzia Giovani. Funziona? I giovani vengono convocati? Quali sono le proposte che ricevono? È importante capirlo, perché su questo progetto di matrice europea è stato investito un mucchio di soldi, 1 miliardo e mezzo di ...

Il Jobs Act punto per punto

Il Jobs Act punto per punto

Sette pagine. Tanto è lungo il "Jobs Act", la riforma del lavoro che il governo Renzi sta portando avanti in Parlamento. Qualche giorno fa il Senato l'ha approvato, con un voto di fiducia, proprio a ridosso dell'incontro a Milano di ...

TFR in busta paga sì o no, gli esperti del mondo del lavoro ...

TFR in busta paga sì o no, gli esperti del mondo del lavoro si dividono

Nei giorni scorsi il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha presentato la proposta di trasferire in busta paga il trattamento di fine rapporto a partire dal prossimo anno ai lavoratori che ne facciano richiesta. Sempre il lavoratore può scegliere se ricevere ...

Neet, l'Europa lancia Youth2Work

Neet, l\u0027Europa lancia Youth2Work

Un progetto europeo per offrire una soluzione al problema dei Neet (Not being in Employment, Education or Training), i giovani che non lavorano, non studiano e non hanno nemmeno avviato un periodo di tirocinio: si chiama Youth2Work (Y2W) ed è ...

Capitalismo paziente, il lato femminile che valorizza le aziende

Capitalismo paziente, il lato femminile che valorizza le aziende

E se provassimo a guardare la nostra azienda, le nostre istituzioni, i nostri modelli di business con gli occhi dei nostri figli? Semplice, dovremmo cambiare molte cose. Questo significherebbe rinunciare al profitto? Certamente no, ma cambiare mentalità certamente sì. Si ...

Modello tedesco: tutti ne parlano, ecco in cosa consiste

Modello tedesco: tutti ne parlano, ecco in cosa consiste

Con un tasso disoccupazione inferiore al 5% (da noi è del 12), e una percentuale di giovani senza lavoro del 7,6 (in Italia del 44%), la Germania ha senz'altro qualcosa da insegnare al Belpaese in tema di mercato del lavoro. ...

Una scuola senza bidelli: 10 mila posti liberi, ma la riforma non parla ...

Una scuola senza bidelli: 10 mila posti liberi, ma la riforma non parla di loro

Nella “buona scuola” il governo Renzi si è scordato il personale Ata. Il documento che anticipa i punti della riforma del sistema scolastico prevede infatti l’assunzione di 150mila docenti precari, ma non del personale ausiliario, tecnico e amministrativo senza il quale – secondo diverse ...

Formazione continua, spina nel fianco dei professionisti italiani

Formazione continua, spina nel fianco dei professionisti italiani

L’aggiornamento professionale è una scelta, dettata dalla volontà di essere sempre al passo con le innovazioni del proprio mestiere, o una mera necessità burocratica? Tra i professionisti italiani il dibattito è acceso, specie dopo che, a fine 2012, la riforma ...

Articolo 18, ecco come funziona: l'Adapt fa chiarezza sulle norme sui licenziamenti

Articolo 18, ecco come funziona: l\u0027Adapt fa chiarezza sulle norme sui licenziamenti

Il dibattito sull'articolo 18 sta cannibalizzando da settimane la discussione sul JobsAct. Sembra che sui giornali e in televisione non ci sia attività più importante che vivisezionare quella norma introdotta 44 anni fa nello Statuto dei lavoratori, che si intitola ...

Disoccupazione in calo in tutto il mondo tranne che in Italia: ecco perché

Disoccupazione in calo in tutto il mondo tranne che in Italia: ecco perché

Sono nere le previsioni del Cnel, il Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro, riguardo la condizione dell'occupazione in Italia. «Una discesa del tasso di disoccupazione ai livelli pre-crisi, ovvero intorno al 7%, sembra irrealizzabile». È quanto si legge nel Rapporto sul ...

Open