Pratica forense, all'Avvocatura ancora gratis. Per colpa di un comma

Di Eleonora Voltolina - 16 maggio 2012 In Interviste

Nel 2010 l'Inps era finita nell'occhio del ciclone, con tanto di interrogazione parlamentare, perchè la Repubblica degli Stagisti aveva messo in evidenza che per i praticantati svolti al suo interno da giovani neolaureati in giurisprudenza non prevedeva alcun compenso. E questo in contraddizione con il codice deontologico forense. La pratica del tirocinio professionale non retribuito, in effetti, coinvolgeva e coinvolge non solo l'Inps ma molti enti pubblici: lo stesso istituto di previdenza infatti si era giustificato dicendo di aver ispirato e uniformato la sua policy a quella dell'Avvocatura dello Stato. In questo contesto, all'inizio del 2012 è stato finalmente sancito per legge (nel cosiddetto decreto liberalizzazioni) l'obbligo a erogare, dopo i primi 6 mesi, un compenso forfettariamente concordato a tutti praticanti: la norma non distingue tra avvocature di enti pubblici e studi professionali privati. L'Inps, a tempo di record, ha annunciato di volersi adeguare e di aver già emanato una circolare prevedendo di dare d'ora in poi un rimborso tra i 300 e i 450 euro ai suoi praticanti. E l'Avvocatura? La Repubblica degli Stagisti ha chiesto lumi all'avvocato dello Stato Massimo Salvatorelli. Romano, classe 1956, già coordinatore della V° sezione dell'Avvocatura Generale, Salvatorelli è attualmente componente del comitato consultivo dell’Avvocatura e fa parte della segreteria particolare dell’Avvocato Generale.    

stage lavoroFinora l'Avvocatura dello Stato non ha erogato alcun compenso ai giovani praticanti avvocati in forza presso le sue sedi, scegliendo di non ottemperare all'articolo 26 del codice deontologico forense che prevede l'obbligo di corrispondere «un compenso proporzionato all’apporto professionale ricevuto». Perché?

Non è una scelta nostra: il punto è che noi non abbiamo nessun rapporto con quel codice deontologico, perché siamo una cosa diversa dal Foro. L'avvocato dello Stato non è un libero professionista, non lavora in un'organizzazione a scopo di lucro, non fattura nulla ai propri clienti. Che sono peraltro clienti molto particolari: le amministrazioni statali. Gli avvocati dello Stato non sono nemmeno iscritti all'albo professionale: chi vince il concorso ed entra qui dentro si deve cancellare.
Questo dunque è il motivo per il quale voi non siete sottoposti al Codice deontologico forense…
Perché noi facciamo un altro mestiere. Abbiamo un vincolo di patrocinio: non possiamo patrocinare altri soggetti diversi da quelli che sono patrocinati dall'Avvocatura dello Stato. Abbiamo un nostro codice deontologico, ma sono norme statali che regolano la nostra attività e più in generale l'attività dei pubblici funzionari. Rispondiamo alla Corte dei conti della nostra attività, non a un consiglio di disciplina forense.
Questa condizione è esclusiva degli avvocati dello Stato o per esempio anche gli avvocati dell'Inps, dell'Inail e di altri enti pubblici hanno questo obbligo di disiscriversi?
Un tertium genus. Gli avvocati di alcuni enti sono iscritti a un albo speciale tenuto dal Consiglio dell'Ordine, in cui sono iscritte delle persone che possono patrocinare solo determinati soggetti, e non all'albo generale.
Chi è iscritto all'albo speciale è comunque soggetto al Codice deontologico?
Direi di sì, perché esso dipende sempre dal Consiglio dell'Ordine.

Quindi ecco spiegato perché l'Avvocatura non è tenuta a rispettare l'articolo 26. A questo punto spieghiamo da dove deriva la decisione di non erogare un compenso ai praticanti. Dalla mancanza di denaro?
Sì. In passato si è parlato tante volte della possibilità di riconoscere qualcosa ai praticanti, ma il ministero delle Finanze non ha mai reperito i fondi. Sappiamo che esistono enti pubblici che danno un compenso: hanno un loro bilancio autonomo, e hanno inserito una voce apposita. Noi non abbiamo questa possibilità: anzi se facessimo una cosa del genere forse commetteremmo addirittura un reato, perché si tratterebbe di distogliere soldi che in bilancio hanno una certa destinazione per una destinazione diversa.
Ma siccome il bilancio si fa ogni anno si può prevedere da un certo punto in poi una voce apposita, no?
In astratto è certamente possibile, anzi a titolo personale direi perfino auspicabile. Però non dipende da noi, bensì dalla Ragioneria dello Stato. E non costerebbe poco.
stage lavoroCon la conversione in legge del decreto liberalizzazioni è diventato operativo anche l'articolo 9, che al comma 4 prevede che al tirocinante debba essere «riconosciuto un rimborso spese forfettariamente concordato dopo i primi sei mesi di tirocinio». L'Avvocatura intende adeguarsi?
No. Perché leggendo tutta la norma, al comma 8 si legge che «dall'attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica».
Secondo la vostra interpretazione cioè questa riga vi esonera dal dovere di dar seguito al comma 4?
Certamente.
Tutte le amministrazioni pubbliche saranno esonerate perché c'è scritto che non ci dovranno essere maggiori oneri?
La norma parla che non devono derivare «nuovi» oneri. Chi invece avesse già una voce di bilancio che lo prevede, sarebbe tenuto a seguirla.
Quindi per chi ha ad oggi una voce di bilancio che lo prevede, il compenso diventa obbligatorio; chi non ce l'ha, non lo può mettere.
Certo. Stiamo parlando sempre di danaro pubblico, quindi con dei vincoli. L'avvocato del libero Foro può fare dei suoi soldi quello che desidera, noi no.
Ma l'Avvocatura non potrebbe tagliare su qualcosa per mettere risorse sui rimborsi?
Sì, si potrebbero distogliere soldi da una parte e metterli da un'altra. Ma comunque non potremmo farlo noi di nostra iniziativa: è il Parlamento che approva la legge di bilancio. Bisognerebbe introdurre una voce per il «compenso per l'attività dei praticanti», per esempio. Considerando che all'interno dell'Avvocatura in tutta Italia ci sono circa 300 praticanti, se prevedessimo di dare 500 euro al mese per tutti i 18 mesi, la misura costerebbe 2 milioni 700mila euro.
Quindi al momento avete 300 praticanti in servizio all'Avvocatura dello Stato?
Intanto non bisogna utilizzare mai la parola "in servizio", perché il servizio è quello del dipendente! Queste persone non entrano in nessun ruolo e non hanno nessuna qualifica. Non sono in servizio. Hanno molta libertà rispetto a quella dei praticanti presso gli avvocati del libero Foro, che spesso lavorano come dei dipendenti. Da noi il praticante non viene utilizzato per attività istituzionali, perché ci sono persone che sono pagate per svolgerle. Il praticante studia, segue l'avvocato, va in udienza con lui. Prepara gli atti, i pareri. Certamente vede poi com'è fatta una cancelleria - insomma fa tutto quello serve per soddisfare il requisito della compiuta pratica. Per quanto riguarda i numeri c'è un decreto dell'avvocato generale che fissa per tutte le Avvocature il tetto massimo "tanti avvocati quanti praticanti". Il numero degli avvocati dello Stato in servizio in questo momento è attorno ai 330, di cui una novantina a Roma. Per accogliere i praticanti facciamo una leva più o meno ogni quattro mesi, tre all'anno. In questo momento nella sede di Roma ci sono circa 90 praticanti: nelle altre Avvocature distrettuali non posso saperlo con precisione, perché ciascuna gestisce i suoi autonomamente.
Quante candidature ricevete?
Nel 2011 abbiamo avuto 210 richieste qui a Roma. Facendo una media degli ultimi anni, siamo intorno alle 200-250; quest'anno alla prima selezione abbiamo avuto 67 risposte. Consideri che qui il praticante fa un tipo di esperienza in parte diversa da quella del libero Foro: l'Avvocatura permette di vedere il funzionamento dell'amministrazione dall'interno. E poi si fa tutto: costituzionale, comunitario, amministrativo, penale, civile - mentre spesso negli studi privati si fa solo quello che fa lo studio. Inoltre la compiuta pratica presso l'Avvocatura, come prevede una norma di legge, costituisce titolo preferenziale a parità nei concorsi in Avvocatura.
Ah, questa è una cosa molto importante.
Infatti. Non ci sono concorsi riservati, e beninteso il praticante è un concorrente come gli altri. Però a parità di graduatoria in concorso, da noi il primo titolo di preferenza è quello di avere compiuto la pratica qui dentro.
Lei dice che degli enti pubblici che danno un rimborso ai propri praticanti alcuni richiedono poi prestazioni lavorative, addirittura con orari di lavoro. Ma lavorano molto anche quando non vengono pagati. L'Inps per esempio, che finora non ha previsto un rimborso, li utilizza come e più di uno studio privato, con l'aperto obiettivo di smaltire le sue centinaia di migliaia di cause pendenti.
Quella è patologia però. Usare i praticanti per smaltire il proprio contenzioso è più che sbagliato. In Avvocatura questo non accade mai. Io con i miei praticanti, per esempio, mi vedo più o meno una volta alla settimana. Al momento ne ho solo uno: gli dò del materiale da studiare, lui mi manda il suo lavoro via mail, io gli rispondo con le mie osservazioni, poi ci rivediamo, finiamo di scrivere l'atto e andiamo in udienza. La presenza fisica qui di questo ragazzo è di 2-3 ore a settimana: però lavora per me, anche a casa, in rete. Poi magari capita la volta che dobbiamo scrivere un atto e stiamo qui tutto il giorno fino alle 10 di sera.
Vediamo ora quanti sono gli avvocati dello Stato e qual è il bilancio dell'Avvocatura.
Gli avvocati dello Stato, compresi anche i procuratori, sulla carta per legge sono 390 in tutta Italia. Naturalmente non siamo mai quel numero, anche perché c'è chi va in pensione e non viene sostituito, sempre per problemi di bilancio. In questo momento dovremmo essere sui 330: non c'è grande ricambio, negli ultimi 4 anni abbiamo assunto 40 procuratori e non più di cinque-sei avvocati. 
Quanto guadagnate mediamente?
Facendo una media di tutti gli avvocati e procuratori, dagli anziani ai giovani appena entrati, l'importo annuo lordo è 159mila euro.
stage lavoroA quanto ammonta il bilancio annuale dell'Avvocatura dello Stato?
Dalla legge di bilancio 2012 il nostro bilancio è di 127 milioni di euro, come previsione di spesa. Tanto per dare un'idea dei tagli: al consuntivo 2010 era di oltre 172 milioni di euro.
Un taglio di quasi il 30%.
E consideriamo anche che sono passati due anni e che il costo di alcune cose è aumentato. La carta, per esempio, aumenta sempre. Noi ne consumiamo una quantità spaventevole, perché per costituirsi in giudizio bisogna presentare tot copie degli atti. Il processo telematico è una cosa molto bella ma ancora futuribile, e quindi noi dobbiamo presentare le copie dei documenti al Tar, al Consiglio di Stato. Tornando al rimborso per i praticanti, se lei considera i 2 milioni 700mila euro calcolati prima su un bilancio di 127, rappresenterebbero una percentuale rilevante.
Circa il 2% del bilancio.
Una percentuale non altissima, se pensiamo che si buttano tanti soldi per tante cose. Ma nemmeno bassissima. Fermo restando che per me, l'ho detto, se la Ragioneria lo facesse sarebbe anche giusto.
Insomma il succo di questa intervista è che, se si vuole che anche i praticanti dell'Avvocatura percepiscano in futuro un rimborso, il Parlamento deve mettere questa voce a bilancio.
Dire «il Parlamento» è formalmente corretto, perché è lì che si approva la legge di bilancio. Ma questa viene preparata dal ministero dell'Economia e delle finanze e dalla Ragioneria Generale dello Stato. Quindi per il rimborso dei praticanti in Avvocatura i decisori stanno lì.

intervista di Eleonora Voltolina

Per saperne di più su questo argomento, leggi anche:
- Praticanti, il decreto liberalizzazioni ha introdotto l'obbligo del compenso: e l'Inps si adegua
- Equo compenso addio: per Confprofessioni «non cambia molto», ma per i praticanti sì
- Sulla gravità della violazione del codice deontologico forense da parte degli enti pubblici
- La testimonianza di Francesca Esposito: «Ho interrotto il mio praticantato presso l'Inps perchè non mi davano un euro»

E anche:
- Tribunali al collasso, sempre più stagisti per coprire i buchi di organico
- Urgono nuove regole per proteggere tirocinanti e praticanti: tante idee della Repubblica degli Stagisti nel disegno di legge di Cesare Damiano

© Riproduzione riservata

Maternità, la guerra delle italiane precarie e squattrinate: ma i padri combattono o ...

Maternità, la guerra delle italiane precarie e squattrinate: ma i padri combattono o disertano?

Fare figli in Italia? Una battaglia quotidiana: prima, durante e dopo. Per questo il nuovo libro della giornalista Elisabetta Ambrosi - già autrice cinque anni fa, a quattro mani con Alessandro Rosina, del profetico "Non è un paese per giovani" ...

Leggi su Articolo36.it

Stage al Comitato europeo economico e sociale: 1000 euro di rimborso, candidature fino ...

Stage al Comitato europeo economico e sociale: 1000 euro di rimborso, candidature fino a fine settembre

Archiviate le vacanze estive, si riapre – per chi è in cerca di opportunità internazionali – la caccia agli stage europei. Una delle offerte migliori di questo periodo arriva dal Comitato economico e sociale europeo, organo brussellese che ha lo scopo ...

Dote Unica Lavoro e Garanzia Giovani, come la Lombardia aiuta chi cerca un ...

Dote Unica Lavoro e Garanzia Giovani, come la Lombardia aiuta chi cerca un impiego

DUL o GG. I giovani che cercano lavoro in Lombardia possono affidarsi a queste due sigle. DUL è l’acronimo con cui si identifica il  programma regionale a sostegno dell’occupazione, la “Dote Unica Lavoro”. A questo, da maggio 2014, si è ...

Garanzia giovani, gli imprenditori: «Deve ripartire il mercato». E da Roma non arrivano ...

Garanzia giovani, gli imprenditori: «Deve ripartire il mercato». E da Roma non arrivano i soldi

Era stata pensata, quando ancora era in carica il governo Letta, come il piano per far ripartire l’occupazione in Italia, e pubblicizzata sui vari canali televisivi e dai grandi quotidiani per attirare l’attenzione dei giovani disoccupati e farli approfittare di ...

L'epoca dei pizzaioli: Italia o estero, il lavoro non manca

L\u0027epoca dei pizzaioli: Italia o estero, il lavoro non manca

Si lavora in tutte le stagioni, nei giorni di festa, con un caldo a tratti insopportabile, senza sosta, fino a tarda notte. È il mestiere del pizzaiolo, tanto faticoso quanto ricercato, soprattutto da quei giovani pronti a fare sacrifici per ...

Leggi su Articolo36.it

Non è vero che gli stage gratuiti sono stati aboliti

Non è vero che gli stage gratuiti sono stati aboliti

Una lettrice della Repubblica degli Stagisti scrive alla redazione per chiedere se è legale che nello stage che sta svolgendo all'interno di un master non sia previsto nemmeno un euro di rimborso spese. Purtroppo la risposta è sì: perché gli ...

Piano Giovani in Sicilia, un'estate di caos e delusioni per migliaia di aspiranti ...

Piano Giovani in Sicilia, un\u0027estate di caos e delusioni per migliaia di aspiranti stagisti

Doveva essere il programma per far ripartire l’occupazione in Sicilia e, in particolare, per far rimanere nell’isola quei giovani che negli ultimi anni sono fuggiti alla ricerca di un posto di lavoro. Sulla carta aveva tutti i requisiti: un bando ...

Ora lo chef fa tendenza: l’esercito dei giovani che sognano un futuro in ...

Ora lo chef fa tendenza: l’esercito dei giovani che sognano un futuro in cucina

C'è chi sogna di indossare camice e "toque blanche", magari apparire in televisione e “impiattare” raffinatezze di tutti i tipi. Altri invece, i più realisti, firmerebbero per un semplice impiego sicuro da aiuto cuoco, con stipendio a fine mese. È ...

Leggi su Articolo36.it

Al via il salario minimo in Germania, ma il rischio è che ci ...

Al via il salario minimo in Germania, ma il rischio è che ci siano troppe eccezioni

All'inizio di luglio il Parlamento federale tedesco ha approvato il salario minimo, il Mindestlohn, con 535 voti favorevoli, 5 contrari e 61 astensioni. A metà luglio anche il Bundesrat, ovvero il Consiglio federale, ha dato il via libera alla legge, Tarifautonomiestärkungsgesetz, che introduce la ...

Leggi su Articolo36.it

L'ascensore sociale è inceppato: i giovani vivono peggio dei genitori

L\u0027ascensore sociale è inceppato: i giovani vivono peggio dei genitori

L’ascensore sociale? È rotto ormai da tempo, e il sistema educativo non offre più a chi studia la garanzia di poter migliorare la propria condizione. Una ricerca del Censis conferma questa preoccupante tendenza: al primo impiego solo il 16,4% dei ...

Riforme sbagliate e pochi investimenti, ecco perché in Italia non c'è lavoro

Riforme sbagliate e pochi investimenti, ecco perché in Italia non c\u0027è lavoro

Non è difficile spiegare perché in Italia non c'è lavoro, più complicato proporre la ricetta giusta sul "come si può fare per crearlo". Ci prova Romano Benini nel suo ambizioso "Nella tela del ragno", un libro che oltre a interrogarsi ...

Leggi su Articolo36.it

Made in Italy, i giovani di tutto il mondo vengono in Italia a ...

Made in Italy, i giovani di tutto il mondo vengono in Italia a studiare moda. Ma poi?

Arrivano dai cinque continenti gli studenti che scelgono l’Italia per compiere i loro studi nel campo della moda. Attratti dalla grande tradizione delle firme e del made in Italy, cercano nelle nostre scuole una formazione di qualità. In totale sono ...

Fuggire sì, ma dove? Ecco i Paesi migliori per trovare lavoro all'estero

Fuggire sì, ma dove? Ecco i Paesi migliori per trovare lavoro all\u0027estero

Quello dell'emigrazione degli italiani in cerca di lavoro e fortuna è un tema che non passa mai di moda. A scriverne è anche Claudio Bosaia in Dove Scappo, da poco pubblicato dalla casa editrice Iacobelli: una sorta di guida all'espatrio ...

Leggi su Articolo36.it

More and better jobs: chimera o possible traguardo per l’Italia?

More and better jobs: chimera o possible traguardo per l’Italia?

Nuovi processi e nuove contraddizioni. Le trasformazioni del lavoro di Serafino Negrelli, docente di sociologia del lavoro all’università di Milano-Bicocca, è una fotografia delle trasformazioni in atto nel mondo del lavoro. Un’immagine non particolarmente nitida, ma con un punto fermo importante: il ...

Leggi su Articolo36.it

Moda: troppi stilisti o aspiranti tali e pochi sarti, modellisti e figurinisti

Moda: troppi stilisti o aspiranti tali e pochi sarti, modellisti e figurinisti

Troppi stilisti o aspiranti tali e pochi sarti, modellisti e figurinisti. Diventare fashion designer ed entrare nel mondo della moda dalla porta principale è il sogno di molti, ma quando si spengono i riflettori delle passerelle si scopre che le ...

Open