Riforma Fornero, nuovi incentivi all’occupazione femminile: ecco chi potrebbe beneficiarne e come

Di Chiara Del Priore - 03 maggio 2012 In Notizie

Secondo l’Istat nel quarto trimestre 2011 le donne disoccupate in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia sono state complessivamente 385mila, su un totale di 902mila in tutta Italia. Il 16% in più rispetto allo stesso periodo del 2010. Nel dettaglio, 132mila sono le donne campane che cercano e non trovano lavoro - a cui si aggiungono 92mila pugliesi, 10mila lucane, 37mila calabresi e 114mila siciliane.
La riforma del lavoro, approvata lo scorso 4 aprile dal governo e ora in esame al Senato, ha tra i suoi obiettivi anche quello di intervenire sul problema, puntando a ridurre questo numero. Tra i vari provvedimenti infatti l’articolo 53 del disegno di legge prevede, al quarto comma, agevolazioni per «le assunzioni, a partire dal primo gennaio 2013, di donne di qualsiasi età prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi» e di «donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi, ovunque residenti». Nel primo caso, conditio sine qua non per usufruire degli aiuti è risiedere in una delle regioni beneficiarie dei fondi strutturali e comunitari (per il periodo 2007-2013 Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) o rientrare nella condizione di lavoratore «svantaggiato», descritta dal regolamento 800/2008 della Commissione Europea, all’articolo due (punto 18, lettera «e»). La disposizione parla di «lavoratori occupati in settori o professioni caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna, che supera almeno del 25% la disparità media uomo-donna in tutti i settori dello Stato membro interessato, se il lavoratore appartiene al genere sottorappresentato». I dati pubblicati dall’Istat nel 2010, relativi all’anno precedente, parlano di un tasso totale di disparità uomo-donna per tutti i settori pari al 19,80%. Gli ambiti in cui la percentuale risulta più elevata sono, ad esempio, quelli dell’industria (59,93%) e, in particolare, dell’industria delle costruzioni, dove il dato raggiunge l’88,80%.
Già il cosiddetto «decreto salva Italia» prevedeva degli sgravi per le imprese in caso di assunzione di donne: in generale, per ogni assunta un'azienda può dedurre dal reddito l'intero ammontare del valore dell'Irap (l'imposta regionale sulle attività produttive), relativa alle spese per il nuovo personale dipendente. Inoltre, fino al 31 dicembre 2012, è stabilito uno sconto fiscale che consiste in una maggiore deduzione Irap, nel caso di assunzioni a tempo indeterminato: 10.600 euro per ogni donna. E per alcune regioni del centro-sud è previsto un surplus: la cifra ammonta a 15.200 euro per
Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna.
Le nuove agevolazioni per le lavoratrici introdotte dalla riforma Fornero sono descritte nei comma 1-3 dell’articolo 53, dove si stabilisce che «per le assunzioni effettuate, a decorrere dal primo gennaio 2013, con contratto di lavoro dipendente, a tempo determinato, in somministrazione, spetta, per la durata di dodici mesi, la riduzione del 50 per cento dei contributi a carico del datore di lavoro». Nel caso di passaggio da un contratto a termine a uno a tempo indeterminato o di assunzione effettuata direttamente con contratto a tempo indeterminato «la riduzione spetta per un periodo di diciotto mesi dalla data di assunzione».
Per valutare i vantaggi per un’impresa, si può fare un esempio concreto, che rientra nelle tipologie di contratto descritte dalla legge. Secondo i dati Inps, nel caso di un lavoratore dipendente con un contratto a tempo determinato, per il calcolo dei contributi una ditta applica sulla sua retribuzione lorda mensile un’aliquota del 32,7%. Se si considera uno stipendio mensile lordo di 1.300 euro, il contributo a carico dell’azienda è pari a circa 425 euro, che, prendendo in considerazione un anno, diventano 5.100 euro. Qualora per un’ipotetica lavoratrice donna da assumere con questa tipologia di contratto si verificassero le condizioni descritte dall’articolo 53 del ddl, per l’azienda la cifra si dimezzerebbe per i successivi dodici mesi, addirittura diciotto in caso di passaggio a un contratto a tempo indeterminato. Nel caso del contratto di somministrazione, le agevolazioni si intendono valide se il contratto in questione è della durata di almeno 12 mesi.
I vantaggi per un datore di lavoro non sono trascurabili. Ma quante donne attualmente verrebbero a trovarsi nella condizione descritta dal comma? Per stabilirlo, è fondamentale che ci sia uno stato di disoccupazione da almeno sei mesi. La domanda va fatta all’Inps, anche attraverso un Centro per l’impiego, presentando una dichiarazione che attesti l’immediata disponibilità allo svolgimento di un’attività lavorativa (la cosiddetta «did»).
Non è facile quantificare il numero delle future lavoratrici che beneficerebbero dei contributi, dal momento che bisogna tenere in considerazione, per lo stato di disoccupazione da almeno sei mesi, anche la regione di residenza e l’esistenza della condizione di «lavoratore svantaggiato», descritta dal regolamento comunitario che chiama in causa, invece, il settore d'impiego. Solo ricomponendo tutti questi elementi sarà possibile capire se di fatto le nuove disposizioni contribuiranno a diminuire i numeri della disoccupazione femminile, soprattutto al Sud, e a riportare un numero significativo di donne al lavoro.

Chiara Del P
riore


Per saperne di più su quest'argomento, leggi anche:
- Riforma del lavoro, ecco punto per punto cosa riguarda i giovani
- 8 marzo: una festa celebrata da troppe casalinghe?
- Per risollevare l'economia bisogna ripartire dalle donne

© Riproduzione riservata

Neolaureati, ecco come vi vogliono - e cosa sono disposte a darvi - ...

Neolaureati, ecco come vi vogliono \u002D e cosa sono disposte a darvi \u002D le grandi aziende

Parlare le lingue ed essere proattivi. Sono queste le caratteristiche che le aziende cercano di più quando selezionano giovani da inserire: è ciò che emerge dalla 15esima indagine conoscitiva "Neolaureati & stage" condotta da Gipd, Gruppo intersettoriale direttori del personale, ...

Vuoi fare l'editore indipendente? La strada è in salita, ma non impossibile

Vuoi fare l\u0027editore indipendente? La strada è in salita, ma non impossibile

Una semplice domanda, «ma tu che lavoro fai?», ha negli ultimi tempi mandato in crisi una generazione - quella alle prese con lavori precari, spesso a progetto, rinnovati, con nomi diversi. Per alcune professioni poi quella domanda è quasi una ...

Leggi su Articolo36.it

Rimborsi da fame, l'Unhcr propone 35 euro al mese per uno stage a ...

Rimborsi da fame, l\u0027Unhcr propone 35 euro al mese per uno stage a Roma

35 euro al mese. È quanto offre un delle più famose Agenzie dell'Onu come rimborso spese per fare uno stage presso il suo ufficio di rappresentanza a Roma. 35 euro al mese, viene esplicitato, «corrispondente all’abbonamento Atac per la rete ...

Stage, i giovani chiedono diritti: a Bruxelles l'European Interns' Day

Stage, i giovani chiedono diritti: a Bruxelles l\u0027European Interns\u0027 Day

Sono passati due anni e mezzo dal lancio della Carta europe a per la qualità di stage e praticantati a Parigi e sebbene nelle varie nazioni, Italia compresa, qualcosa si sia mosso per il verso giusto (qui il punto della ...

Opportunità alla Commissione europea: aperte le selezioni per 700 stage a 1000 euro ...

Opportunità alla Commissione europea: aperte le selezioni per 700 stage a 1000 euro al mese

Nuove selezioni di stagisti alla Commissione europea che, anche quest'estate, torna a convocare centinaia di giovani europei che vogliano cimentarsi con il lavoro della principale istituzione dell'Ue. I posti totali sono circa 1400, ma spalmati su due tornate, per un totale ...

Jobs Act e Garanzia Giovani: tante le domande di imprese e giuslavoristi, poche ...

Jobs Act e Garanzia Giovani: tante le domande di imprese e giuslavoristi, poche le risposte del governo

Jobs Act, Garanzia Giovani e più in generale linee di azione del governo Renzi in materia di occupazione giovanile: un tentativo per capirne qualcosa in più è stato fatto nel corso di un convegno organizzato a Torino dall'agenzia per il ...

Leggi su Articolo36.it

Cambiare l'Italia si può, ecco la ricetta di Alessandro Rimassa

Cambiare l\u0027Italia si può, ecco la ricetta di Alessandro Rimassa

Nella vita pubblica italiana si parla sempre di cambiare l’Italia, ma si illustrano solo idee e mai metodi per mettere in pratica realmente il cambiamento. Prova a farlo Alessandro Rimassa nel suo libro «È facile cambiare l’Italia, se sai come ...

Contratti precari, buoni solo per le imprese peggiori: perché minano la produttività

Contratti precari, buoni solo per le imprese peggiori: perché minano la produttività

La riforma del contratto a tempo determinato, o meglio la sua liberalizzazione lanciata nel Jobs Act, sta andando nella giusta direzione? E se invece il suo uso generalizzato portasse a un calo della produttività aziendale? Secondo l'Isfol è proprio così: ...

Leggi su Articolo36.it

Servizio civile tra le offerte di Garanzia giovani, non tutti sono d'accordo: «Non ...

Servizio civile tra le offerte di Garanzia giovani, non tutti sono d\u0027accordo: «Non è lavoro»

Non si sa ancora con esattezza in che misura il Servizio civile entrerà a far parte della Garanzia giovani: per le associazioni che gravitano attorno a questo settore c'è infatti tempo fino a fine luglio per presentare progetti da inserire nel ...

Call center in lotta tra paghe troppo basse e lo spauracchio delle delocalizzazioni

Call center in lotta tra paghe troppo basse e lo spauracchio delle delocalizzazioni

Un unico immaginario filo, come quello di un telefono, parte dai call center per arrivare al Parlamento. Un unico filo che unisce sindacati, associazioni di categoria e i circa 80mila addetti del settore, di cui  30-40mila assunti a tempo indeterminato ...

Leggi su Articolo36.it

Sconti e offerte, così le università telematiche provano ad attrarre nuovi iscritti

Sconti e offerte, così le università telematiche provano ad attrarre nuovi iscritti

Un numero degli iscritti in diminuzione, come anche quello dei laureati, una classe docente troppo precaria e poca ricerca: questi i punti critici delle università telematiche individuati da una commissione di studio nominata dal Miur che qualche tempo fa aveva ...

Arrivano da Vicenza gli angel investors di Custodi di successo

Arrivano da Vicenza gli angel investors di Custodi di successo

Hanno investito 850mila euro in due anni, finanziando 13 start-up. E contribuendo a creare 47 nuovi posti di lavoro. Sono questi i numeri di Custodi di successo, network di angel investors fondato a Vicenza da Mario Costa. «Oggi chi ha ...

Leggi su Articolo36.it

Troppi vincoli e troppa burocrazia, ecco perché il "bonus giovani" non è decollato

Troppi vincoli e troppa burocrazia, ecco perché il \u0022bonus giovani\u0022 non è decollato

Nei giorni scorsi l’Inps ha pubblicato i dati sul cosiddetto “bonus giovani”, un fondo da 794 milioni di euro che era stato stanziato dal governo Letta per il triennio 2013-2015 per incentivare le imprese ad assumere a tempo indeterminato i giovani tra ...

Leggi su Articolo36.it

Stage senza compenso, la protesta monta anche negli Stati Uniti

Stage senza compenso, la protesta monta anche negli Stati Uniti

Estate nel mondo del lavoro è anche sinonimo di stage: quelli che tanti giovani alle prese con università, master e corsi vari sono obbligati a frequentare e quelli che aziende, negozi, studi professionali offrono, talvolta per coprire i vuoti di ...

Staffetta generazionale, solo 5 casi in un anno: il patto per l'occupazione tra ...

Staffetta generazionale, solo 5 casi in un anno: il patto per l\u0027occupazione tra anziani e giovani è un flop

Ricordate la staffetta generazionale? Sembrava dover essere il piatto forte, in materia di occupazione giovanile, del governo Letta e dell’allora ministro Giovannini. Finita poi in un cassetto, venne comunque ripresa da Italia Lavoro attraverso un intervento finanziato con circa 40 ...

Leggi su Articolo36.it

Open