Ordina per...

Autenticati per poter ricevere gli aggiornamenti

Cerca nel Forum

Nuove norme sui tirocini, per applicarle bisogna capirle: ecco i punti ancora oscuri

8 anni, 5 mesi fa di redazione

Link all'articolo originale: Nuove norme sui tirocini, per applicarle bisogna capirle: ecco i punti ancora oscuri L'articolo 11 della manovra finanziaria di Ferragosto, il decreto legge 138/2011, determina tra le altre cose nuovi «Livelli di tutela essenziali per l’attivazione dei tirocini». Riducendone drasticamente la durata massima: «i tirocini formativi e di orientamento non curriculari non possono avere una durata superiore a sei mesi, proroghe comprese». E riservando questo strumento a chi sta compiendo o ha appena completato un percorso formativo: «Possono essere promossi unicamente a favore di neo-diplomati o neo-laureati entro e non oltre dodici mesi ...

marmi

8 anni, 4 mesi fa

Un punto poco chiaro o anche totalmente oscuro è come questo decreto deva essere applicato ai neo-masterizzati! Alla fine di un master universitario possono partire i 12 mesi per l'attivazione dello stage? E se sì, anche se durante il master è stato fatto uno stage CURRICULARE di 6 mesi?!

Questo punto mi è oscuro, qualcuno ne sa qualcosa?

socrim

8 anni, 5 mesi fa

Personalmente approvo questa manovra, perchè - come voi redazione - credo fosse arrivato da tempo il momento di dare finalmente una regolata a questo strumento ormai super abusato. Per quanto, forse inizialmente, saranno penalizzati molti giovani laureati da oltre 12 mesi che, anche se con un'esperienza di stage già alle spalle, che vogliono cambiare settore, in realtà credo anche io che diventerà un vantaggio.

Non ci dimentichiamo infatti che, fondamentalmente, sono proprio i neolaureati senza alcuna esperienza, che vengono esclusi dalle selezioi per stage nella maggior parte dei casi attuali.

Perchè le aziende cercano (e spesso lo mettono proprio per iscritto negli annunci) ragazzi con esperienza da sei mesi ad un anno nel ruolo, per una posizione di stage, possibilmente pagata pochissimo. In questo modo, dal momento che, come ha detto anche la redazione, le aziende hanno bisogno di giovani ma soprattutto di persone che sappiano già minimamente lavorare, si sentiranno ad un certo punto "costrette" ad assumere direttamente o a seguito di stage, con contratti di apprendistato, inserimento, ecc. Non se ne può più di vedere annunci o di stage o di contratti con almeno 2-3 anni di esperienza, che penalizzano chi si trova nel mezzo.

Ma in tutto questo si può considerare già definitiva questa manovra relativamente a questo argomento?

Torna al più nuovo