100 milioni di euro per finanziare stage in Campania: ma a guadagnarci sono i tutor aziendali

Di Marianna Lepore - 22 maggio 2012 In Notizie

Nuove opportunità per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori nella regione Campania: a fine aprile è stato presentato presso la Camera di commercio di Napoli dall'assessore regionale al lavoro, Severino Nappi e quello alla formazione, Caterina Miraglia, “Tirocini in azienda”. La misura è realizzata d’intesa tra il governo nazionale e la Regione e inserita nel Piano di azione coesione, il cui obiettivo è concentrare le risorse comunitarie su quattro priorità considerate strategiche: istruzione, agenda digitale, occupazione e ferrovie. Utilizzando una parte dei 100 milioni di euro del Fondo sociale europeo si attiveranno interventi per aiutare gli studenti nella difficile transizione dalla scuola al lavoro, per scegliere se proseguire gli studi o entrare direttamente nel mondo produttivo. Il progetto, che sulla carta ha ottimi obiettivi, nasconde in realtà non pochi lati oscuri.
L’azione è rivolta agli studenti del terzo, quarto e quinto anno della scuola superiore (15 per ogni istituto, ma il progetto potrà essere attivato anche con un numero minore di studenti purché non inferiore a 8) con priorità per gli allievi degli istituti professionali, tecnici e dei licei linguistici, che potranno svolgere tirocini dalle tre settimane (120 ore) fino a un massimo di otto settimane (320 ore) tra maggio e ottobre 2012. I fondi europei stanziati, però, non arriveranno agli stagisti, che avranno diritto solamente all'assicurazione - obbligatoria per legge - e a
un rimborso per il trasferimento e l’eventuale vitto qualora la destinazione sia molto lontana.
La gran parte delle risorse finirà ai tutor, che con un contratto di prestazione occasionale riceveranno un compenso di 30 euro l’ora (fermi restando i massimali) in base alle ore di formazione svolte che risulteranno dai registri firma degli allievi. Il che vuol dire che per un tirocinio di tre settimane il tutor potrà intascare fino a 3.600 euro; se il tirocinio dovesse durare otto settimane la cifra salirebbe addirittura a 9.600 euro. Somme che in qualche modo torneranno all’azienda visto che i tutor saranno scelti proprio al suo interno. Ma soprattutto costi decisamente spropositati rispetto alle mansioni di tutoraggio. E visto che il programma prevede «un rapporto  massimo di due tutor ogni otto studenti o di quattro ogni quindici» ecco che la cifra totale continua a salire. Eppure, nonostante siano i diretti beneficiari del provvedimento, «non sono indicate le modalità di selezione dei tutor stessi che, da quanto si apprende dal comunicato stampa apparso sul sito della Regione, saranno scelti direttamente dalle scuole e dalle aziende coinvolte»: lo ha denunciato all’Ansa Corrado Gabriele (nella foto a sinistra), ex assessore, oggi consigliere regionale e componente delle Commissioni lavoro e istruzione. Come se non bastasse, non sono poi stati delineati nemmeno i costi totali del progetto. In un’intervista l’assessore Nappi ha detto che sono disponibili circa 100 milioni di euro, ma Gabriele ha ribattuto che «non è richiamato nell'avviso pubblico del Burc n. 27 nessuna delibera né decreto di impegno di spesa, in palese violazione delle norme previste dal manuale del Fse».
C’è poi un altro elemento poco chiaro: il governo regionale ha chiesto e ottenuto che i tirocini siano svolti prevalentemente in Campania. Quindi un progetto che teoricamente avrebbe consentito ad alcuni giovanissimi di calarsi in realtà produttive totalmente diverse da quelle della propria regione e provare anche ad andare all’estero, acquisendo competenze difficilmente replicabili sul territorio, finisce per essere limitato alle aziende locali. La Regione ha infatti richiesto al Ministero istruzione università e ricerca di prediligere le aziende situate all’interno dei confini regionali per cercare, questa la motivazione ufficiale, di superare il forte “mismatch” tra formazione scolastica e richiesta di competenze dal mondo del lavoro. Richiesta subito accolta dal Miur che in questo caso, come per tutte le altre regioni Convergenza (Calabria, Puglia e Sicilia: regioni che rientrano nell’Obiettivo Convergenza dell’Unione Europea perché hanno un pil pro capite inferiore al 75% della media comunitaria) ha solo il ruolo di organismo intermedio e non di soggetto attuatore. In una successiva circolare si è quindi stabilito che «per favorire il raccordo tra il sistema scolastico e la realtà produttiva locale, gli stage/tirocini si svolgeranno prioritariamente presso aziende ubicate ed operanti all’interno del territorio regionale e, per la quota di mancata adesione da parte del sistema produttivo territoriale, nelle altre regioni italiane e/o all’estero». Il tutto in palese contraddizione con la precedente circolare del Miur in cui si evidenziava come il Consiglio dell’Unione europea ritenesse molto importante la mobilità per l’apprendimento, «sottolineando che fornire il più ampio accesso possibile alla mobilità per tutti, compresi i gruppi svantaggiati, costituisce uno degli obiettivi strategici principali della politica dell'Ue nel settore dell'istruzione e della formazione». Tanto che lo stesso Consiglio ha fissato come obiettivo che «entro il 2020 una media UE di almeno il 6% di persone tra i 18 e i 34 anni con una qualifica di istruzione e di formazione professionale iniziale dovrebbe avere trascorso un periodo di studio o di formazione connesso all'IFPI (inclusi i tirocini) all'estero con una durata minima di due settimane». La Campania, invece, preferisce puntare esclusivamente sulle proprie aziende, che non sembrano proprio essere dei modelli di produttività e delle fucine di posti di lavoro: come mai? Forse per evitare che i finanziamenti europei escano dai confini regionali?

Per velocizzare poi la selezione delle imprese interessate è stato affidato a Unioncamere Campania il compito di stilare un elenco per suddividere le aziende (che per partecipare non hanno alcun vincolo di grandezza) in settori merceologici coerenti con i numerosi indirizzi di studio.
Le aziende interessate avevano una prima scadenza il 4 maggio ma i termini per la presentazione delle candidature sono stati prorogati al 28 maggio. Le imprese che vogliono partecipare possono essere società di persone, di capitale, cooperative, consorzi, enti non commerciali e onlus con almeno una sede operativa in Campania e potranno consegnare la loro manifestazione di interesse a Unioncamere Campania. Scaduto il termine, Unioncamere trasmetterà l’elenco delle imprese all’Autorità di gestione del FSE che lo renderà disponibile sul portale istituzionale regionale - sezione FSE. A quel punto saranno gli istituti scolastici a contattare le aziende in elenco per verificare la disponibilità nell’attivazione dello stage e definire le modalità attuative dei tirocini.
Il progetto ha ricevuto l’appoggio di tutte le associazioni datoriali e sindacali della Regione e della Confcommercio Campania e l’assessore Nappi ha evidenziato la possibilità che i ragazzi avranno di mostrare subito in azienda le loro capacità, dichiarando: «Abbiamo effettuato questa scelta di coinvolgere direttamente le scuole e le imprese per favorire il sistema produttivo regionale cercando di rafforzare le possibilità lavorative dei nostri studenti e futuri lavoratori».
Nonostante il progetto avesse sulla carta l’aspetto positivo di creare un ponte tra la scuola superiore e il mondo del lavoro e ridurre il tasso di disoccupazione che, secondo recenti dati Istat, nella fascia d’età tra i 15 e i 24 anni ha raggiunto il 44,4% ben nove punti sopra la media nazionale, nell’applicazione in Campania la misura “Tirocini in azienda” perde di vista un punto fondamentale. La circolare del Miur scrive che «le azioni attivate dovranno contribuire a dotare i cittadini delle conoscenze e delle abilità di cui l’economia e la società europee necessitano per rimanere competitive e innovative». Nell’applicazione campana, invece, i giovani sceglieranno che strada intraprendere per il loro futuro basandosi solo sulla realtà locale che, anche in termini di futura occupazione, potrà offrirgli meno possibilità.


Marianna Lepore


Per saperne di più su questo argomento leggi anche:
- Tirocini, in Campania i centri per l'impiego ignorano la circolare e li attivano solo entro 12 mesi dal diploma o dalla laurea
- Apprendistato, in Campania l'età massima passerà da 29 a 35 anni: la legge regionale è quasi pronta

E anche:
- Tirocinio: una parola, tanti significati
- In Italia un giovane su tre è senza lavoro. Ma è davvero così? 

© Riproduzione riservata

More and better jobs: chimera o possible traguardo per l’Italia?

More and better jobs: chimera o possible traguardo per l’Italia?

Nuovi processi e nuove contraddizioni. Le trasformazioni del lavoro di Serafino Negrelli, docente di sociologia del lavoro all’università di Milano-Bicocca, è una fotografia delle trasformazioni in atto nel mondo del lavoro. Un’immagine non particolarmente nitida, ma con un punto fermo importante: il ...

Leggi su Articolo36.it

Moda: troppi stilisti o aspiranti tali e pochi sarti, modellisti e figurinisti

Moda: troppi stilisti o aspiranti tali e pochi sarti, modellisti e figurinisti

Troppi stilisti o aspiranti tali e pochi sarti, modellisti e figurinisti. Diventare fashion designer ed entrare nel mondo della moda dalla porta principale è il sogno di molti, ma quando si spengono i riflettori delle passerelle si scopre che le ...

La scuola che resiste: diario di bordo di un maestro precario nella scuola ...

La scuola che resiste: diario di bordo di un maestro precario nella scuola italiana

Il diario di bordo di un maestro precario nel suo viaggio nella scuola italiana di inizio millennio. Questo è, soprattutto, il bel libro di Alex Corlazzoli, giovane e versatile docente nella scuola primaria della pianura padana, dal titolo La scuola ...

Lavoro e professioni nell'era dei social media, rapporto in lento divenire

 Lavoro e professioni nell\u0027era dei social media, rapporto in lento divenire

I social media sono ormai diventati, per gran parte delle persone, la sorgente primaria dell'informazione. Una sorgente frammentata, moltiplicata anche dai sempre più numerosi device a disposizione. I professionisti del giornalismo e della comunicazione, e in generale tutti i cittadini, ...

Leggi su Articolo36.it

Morire di non lavoro, quando la crisi porta al suicidio

Morire di non lavoro, quando la crisi porta al suicidio

Di non lavoro ci si può ammalare, perfino morire. E il suicidio, in certi casi, diventa la scelta estrema di chi non ce la fa più. Colpa della crisi economica, che ha impatti devastanti sulla salute psico-fisica delle persone, alcune ...

Leggi su Articolo36.it

Da Bruxelles per uno stage ad Amburgo per amore. Con la vocazione del ...

Da Bruxelles per uno stage ad Amburgo per amore. Con la vocazione del giornalismo

Chiuderanno il primo settembre le application per i tirocini al Consiglio dell'Unione europea. L'istituzione offre un centinaio di posti per cinque mesi di stage, a circa mille euro al mese. Susanna Grego ne ha fatto uno nel 2008 e alla Repubblica degli Stagisti ha ...

La mappa digitale delle università europee, un progetto utile ma ancora con molti ...

La mappa digitale delle università europee, un progetto utile ma ancora con molti limiti

Una mappa digitale di oltre 2.200 atenei di 29 paesi, ossia tutta l’Unione Europea più Svizzera e Norvegia. In due righe Eter (European Tertiary Education Register), piattaforma web lanciata dalla Commissione Europea con l’obiettivo di dare vita a un vero ...

Retribuzioni troppo basse e tutele inesistenti, per i precari i problemi sono sempre ...

Retribuzioni troppo basse e tutele inesistenti, per i precari i problemi sono sempre quelli

La precarietà in Italia, invece di essere ricompensata con stipendi più sostanziosi, è meno retribuita. «Faccio un esempio: se compro un biglietto aereo con date prefissate pago un prezzo che automaticamente salirebbe se scegliessi l'opzione di cambiare il rientro. Il ...

Leggi su Articolo36.it

Lavoro manuale, nei mestieri del passato c'è il futuro dei giovani italiani?

Lavoro manuale, nei mestieri del passato c\u0027è il futuro dei giovani italiani?

Secondo le ultime rilevazioni del "Rapporto Giovani" curato dall'Istituto Toniolo, oltre l’80% dei giovani italiani sarebbe oggi pronto a svolgere un lavoro di tipo manuale, e tre su quattro aspirerebbero a una attività in cui potere esprimere la propria creatività, ...

«Il futuro è a colori, se si sanno sfruttare le opportunità»: la deputata ...

«Il futuro è a colori, se si sanno sfruttare le opportunità»: la deputata Irene Tinagli sprona a reinventarsi

In un mercato del lavoro in cui i giovani fin dall’inizio temono di non poter entrare, rincorrendo magari per anni lo stesso lavoro senza guardare alle altre opportunità che hanno intorno, Irene Tinagli invita a osare: uscire da casa, incontrare ...

Leggi su Articolo36.it

«Fate stage in organismi internazionali, servono»: il consiglio di un ex stagista della ...

«Fate stage in organismi internazionali, servono»: il consiglio di un ex stagista della Commissione Ue

C'è tempo fino al 29 agosto per candidarsi a uno degli stage offerti dalla Commissione europea. Un'ottima occasione per il curriculum e per il rimborso, di circa 1000 euro mensili, più altri benefit che l'istituzione riconosce. Danilo Samà, 30enne romano, ha ...

800 iscritti a UniCredit StartLab: tutti under 40 ma non solo digitale

800 iscritti a UniCredit StartLab: tutti under 40 ma non solo digitale

Sono 783 le start-up che hanno preso parte ad UniCredit Start Lab, programma di accelerazione per start-up che mette in palio un finanziamento a fondo perduto da 10mila euro per i 4 vincitori. Oltre alla possibilità di essere selezionati da ...

Leggi su Articolo36.it

Quando lavorare part time non è una scelta

Quando lavorare part time non è una scelta

Dal gentil sesso al sesso del part time…involontario. Nel 2008 il numero di donne con part time involontario era di oltre 750mila, una cifra che in cinque anni è più che raddoppiata. Se in passato le lavoratrici cercavano occupazioni a ...

Leggi su Articolo36.it

Al Consiglio dell'Ue cento stage da mille euro al mese

Al Consiglio dell\u0027Ue cento stage da mille euro al mese

Non solo Commissione e Parlamento europeo. Anche altre istituzioni europee di Bruxelles aprono le porte all'esercito di giovani europei in cerca di stage remunerati. Tra queste il Consiglio dell'Unione europea, ovvero l'organo presso cui «i ministri provenienti da ciascun paese ...

Con Spillover imparare la scienza è un (video)gioco da ragazzi

Con Spillover imparare la scienza è un (video)gioco da ragazzi

Insegnare la scienza ai ragazzi attraverso un videogioco. Di questo si occupa Spillover, ultima creatura di Selene Biffi. Nata 32 anni fa a Monza, si è laureata alla Bocconi di Milano ed ha conseguito un master tra lo University College ...

Leggi su Articolo36.it

Open